fbpx
mercoledì, Novembre 25, 2020

JUNKER, L’APP CHE FA LA DIFFERENZIATA

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Silvia Zamboni]
Junker  è  l’app  gratuita  per  differenziare  correttamente  i  rifiuti:  basta  inquadrare  con lo  smartphone  il  codice  a  barre  del  prodotto  e  sul  display  apparirà  l’indicazione  su come  smaltire  l’imballaggio   


Sinossi

Per aiutare i cittadini a fugare i dubbi in materia di raccolta differenziata dei rifiuti la società Giunko ha creato lapp gratuita Junker. La particolarità che la rende unica è che riconosce i prodotti dal codice a barre. Una volta scaricato Junker e registrato il comune di residenza, basta avvicinare lo smartphone al codice a barre del prodotto e sul display apparirà la composizione dellimballaggio con la spiegazione su come smaltirlo in base alle regole vigenti in quel territorio. Nel servizio radiofonico si fa lesempio di una confezione di filtri per infusi: l’indicazione di Junker è che la scatola e le bustine che contengono i filtri vanno smaltite con la raccolta separata della carta, i filtri con lorganico e il cellophane esterno con la plastica. Il database di Junker conta circa un milione e mezzo di prodotti che sono stati mappati anche grazie alle segnalazioni da parte degli utenti di articoli mancanti. Lapp consente inoltre di segnalare situazioni di degrado e abbandono di rifiuti. Per usarla quando si è in ferie basta geolocalizzarsi e si riceveranno le informazioni sulle modalità di raccolta differenziata di quel comune. Per supportare i turisti esteri lapp è disponibile in inglese, tedesco e francese. Per renderla accessibile alle comunità straniere residenti in Italia ci sono versioni in cinese, rumeno, russo, ucraino e bulgaro. Ad oggi gli utenti dellapp sono oltre 500mila. Ogni giorno se ne aggiungono oltre 600 grazie soprattutto al passaparola.

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

La pagella della riparabilità, dalla Francia il contributo per ridurre i RAEE

A partire dall'1 gennaio entra in scena "l’indice de réparabilité": ad ogni nuovo prodotto elettrico ed elettronico sarà assegnato un punteggio su una scala da 0 a 10, e dovrà essere ben visibile al consumatore. Non tutti però sono favorevoli: l'associazione DigitalEurope ha inoltrato una nota alle istituzioni comunitarie

Comprare frutta e salumi senza l’incarto? Per la legge si può (ma la paura ci blocca)

Il decreto Clima “al fine di ridurre la produzione di rifiuti” prevede che dal 13 dicembre 2019 ai clienti dei supermercati “è consentito utilizzare contenitori propri”. Poi però il Coronavirus ha rimesso tutto in discussione. Come insegna il caso dei guanti per l’ortofrutta, tra quello che consente la legge e quello che viene percepito come possibile davanti al rischio contagio c’è una bella differenza

Al supermercato coi propri contenitori, parte il progetto della Spesa Sballata

Nel Varesotto fino ad aprile 2021 una trentina di famiglie potrà andare ai supermercati della Grande Distribuzione Organizzata con contenitori e retine riutilizzabili. Per il referente scientifico del progetto Enzo Favoino “le nuove direttive dell’UE pongono un bivio: o ci si lascia travolgere o si diventa apripista”

“Piccoli gesti grandi crimini”, la campagna contro i mozziconi di Marevivo

Presentati al Senato i risultati della campagna di sensibilizzazione promossa dall'associazione Marevivo, avviata lo scorso 23 luglio da Sorrento. Le attività messe in campo hanno registrato una riduzione del 69% dei mozziconi dispersi nell’ambiente e una diminuzione del 45 % di altri tipi di rifiuti

Dalla Banca Europea un miliardo di euro per la lotta al cambiamento climatico

Nessun supporto economico a impianti fossili ad alto impatto ambientale e alla creazione di nuovi aeroporti: per rispettare gli accordi di Parigi sul clima la Bei traccia una roadmap degli investimenti da qui al 2030. E mostra di voler privilegiare il modello dell’economia circolare