fbpx
sabato, Aprile 20, 2024
RUBRICA

IN CIRCOLO

TAVOLA ROTONDA

EPR per i rifiuti tessili
E

EPR tessili
Foto: Jean-Pierre Dalbéra via Flickr

Il tessile, ormai lo sappiamo, è una delle filiere più impattanti sugli ecosistemi e sull’ambiente. “Il fast fashion è fuori moda e le aziende si devono assumere la responsabilità del fine vita (EPR) dei loro prodotti, spingendo per il riciclo da fibra a fibra, evitando l’incenerimento e il conferimento in discarica dei tessuti”, leggiamo tra gli obbiettivi della Strategia europea per il tessile sostenibile.

L’EPR, Extended Producer Responsibility, in italiano “Responsabilità estesa del produttore”, e quel meccanismo che ad esempio in Italia ha reso possibile la nascita dei consorzi di riciclo degli imballaggi, dei RAEE o dei pneumatici. Coniato nel 1990 da Thomas Lindhqvist, docente della svedese Lund University, il concetto fa riferimento all’idea che il produttore, chi immette un bene sul mercato, debba essere responsabile anche del fine vita dello stesso bene, quando i consumatori, dopo l’uso, se ne libereranno. “Chi inquina paga”, insomma.

Il primo esempio di un EPR per il tessile viene dalla Francia e data 1 gennaio 2007. E in Italia? Nel nostro Paese, al ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica si lavora per produrre una bozza di documento per regolare il meccanismo.

In questo “In circolo” abbiamo raccolto i punti di vista di diversi soggetti per capire cosa attenderci dal provvedimento.

© Riproduzione riservata

Sprechi alimentari e rifiuti tessili, la posizione dell’Europarlamento

Approvata la posizione negoziale sui rifiuti tessili ed alimentari, che consegna agli eurodeputati che saranno eletti a giugno la base per le future trattative con Commissione e Consiglio

EPR nel settore tessile, bene ma non basta: dubbi sulla revisione della direttiva quadro sui rifiuti

La responsabilità estesa del produttore nel settore tessile è una delle misure centrali nel testo approvato dalla commissione Ambiente del Parlamento Ue per migliorare il riutilizzo e il riciclo. Ma senza ridurre la produzione di materiali e obiettivi per la prevenzione dei rifiuti si affronta solo una parte del problema

Chezzi (SMI): Ue aperta ad EPR tessili nazionali, ma il Ministero vuole aspettare

Mauro Chezzi, vicedirettore Sistema Moda Italia e referente associativo del Consorzio Retex.green, ci racconta le interlocuzioni con la Commissione europea sulla responsabilità estesa del produttore per i prodotti tessili e le esigenze delle imprese della filiera made in Italy

De Salvo (Corertex): Vorremmo che in Europa su end of waste ed EPR arrivassero le nostre ragioni

Il presidente del Corertex, consorzio pratese per il riuso ed il riciclo tessile: “Ci aspettiamo maggiore coinvolgimento da parte del Ministero”. Problemi sul testo dell'end of waste

Erion Textiles: sulla normativa EPR le nostre imprese preferiscono attendere l’Europa

Luca Campadello, Strategic Development & Innovation Manager: “Per i nostri produttori l’esigenza primaria è avere regole armonizzate a livello europeo”

End of waste tessili, Confindustria Toscana Nord: bene che il Ministero lavori, ma aspettiamo l’Ue

Confindustria Toscana Nord, CNA Toscana Centro e Confartigianato Imprese Prato hanno scritto al ministero dell’Ambiente per presentare rilievi: “Il passaggio da rifiuto a materia prima secondaria è troppo avanzato”

Zilla (Cobat tessile): Sull’EPR necessario andare avanti a velocità sostenuta

Secondo il direttore generale del consorzio Cobat tessile, attendere la conclusione dell’iter europeo per approvare norme italiane sulla responsabilità estesa del produttore per il tessile (EPR) significherebbe “togliere tempo prezioso a tutte quelle realtà, aziende e consorzi, che stanno già da tempo preparandosi”

Il consorzio francese Refashion: “Noi apripista sull’EPR per il tessile, ma resta tanto da fare”

La Francia è la prima nazione europea ad aver adottato la responsabilità estesa del produttore nel tessile. A occuparsi della raccolta e gestione del fine vita è il consorzio Refashion, che a EconomiaCircolare.com spiega come funziona il sistema francese e quali sono i prossimi obiettivi. Parla la direttrice del consorzio, Maud Hardy

Decreto EPR tessili, i Consorzi pressano il ministero: “Accelerare”

A Ecomondo un convegno che per la prima volta ha raccolto i maggiori consorzi per il fine vita dei rifiuti tessili: “Accelerare le operazioni di confronto con il Ministero affinché il comparto definisca presto le regole in ottica EPR”

L’EPR tessile olandese ai nastri di partenza: “Nel 2030 riutilizzo e riciclo al 75%”

Nei mesi scorsi l’Olanda ha introdotto una normativa EPR per i rifiuti tessili, per favorire riciclo e riutilizzo, prevedendo target minimi per ciascuna delle due attività. Il consorzio che si occuperà della raccolta spiega a EconomiaCircolare.com cosa cambierà per il mercato olandese del tessile