lunedì, Ottobre 26, 2020

Atlante Italiano dell’Economia Circolare: una rete nazionale di imprese e associazioni per azioni responsabili

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com

[di Eleonora Maglia su Percorsi di secondo welfare del 21.06.2018]

Una piattaforma web interattiva per mettere in rete realtà orientate a realizzare prodotti ad alto valore sociale e territoriale

L’Atlante Italiano dell’Economia Circolare è una piattaforma web interattiva che mette in rete le imprese e le associazioni italiane orientate a realizzare prodotti e processi virtuosi, ad alto valore sociale e territoriale. In questo articolo ne vediamo il funzionamento, i risultati raggiunti e le opportunità in un’ottica di secondo welfare.

La definizione, gli obiettivi e la normativa di riferimento dell’economia circolare

Con il termine “economia circolare” si intende un sistema economico efficiente, pianificato in modo tale che i materiali vengano ri-utilizzati nei cicli produttivi successivi, riducendo così le risorse complessivamente utilizzate e minimizzando gli scarti. L’obiettivo di questo nuovo paradigma è complessivamente la valorizzazione dell’efficienza nelle scelte energetiche e nell’utilizzo delle risorse, tramite un’applicazione attenta anche alle ricadute socio-economico-ambientali. La transizione verso un tipo di uso non lineare dei beni è un tema prioritario della strategia europea Horizon 2020 e, in Italia, i principi della green economy e dello sviluppo sostenibile sono parte dell’ordinamento (con la legge di stabilità 2016) e sono sostenuti tramite incentivi fiscali (introdotti nel la legge di bilancio 2018).

L’Atlante Italiano dell’Economia Circolare

Con l’Atlante Italiano dell’Economia Circolare sono censite e documentate tutte le iniziative realizzate dalle imprese e dalle associazioni italiane che si rifanno ai principi dell’economia circolare, tramite una mappatura partecipata e in continuo aggiornamento. Grazie all’utilizzo di una piattaforma web dedicata, i soggetti virtuosi sono messi in rete: ciò concorre a incrementare le connessioni e le opportunità di azioni sinergiche. Inoltre, la possibilità di consultare gratuitamente le schede descrittive delle realtà mappate è una guida per i consumatori interessati ad acquisti più responsabili: in tal modo si promuove anche un cambiamento culturale.

Il progetto è ideato e realizzato da un network muti-stakeholder, cui partecipano Consorzio Poliedra del Politecnico di Milano, Banca Popolare Etica, Fondazione Ecosistemi, Associazione A Sud e Associazione Zona. Si tratta di soggetti dal differente know-how che, per l’iniziativa, offrono supporto scientifico per la mappatura e la validazione delle best practices e realizzano attività di sponsorizzazione e finanziamento.

I criteri di circolarità, la metodologia di mappatura e i primi risultati raggiunti

L’Altante Italiano, ad oggi, conta oltre 100 enti virtuosi, presenti prevalentemente in Lombardia (21% del totale), Lazio (15%) e Toscana (12%) e afferenti a settori economici differenti, dai servizi di recupero rifiuti (18% dei casi) alla realizzazione di abbigliamento e accessori con materiali di recupero (15%).

Le iniziative di economia circolare per essere selezionate e incluse nell’Atlante devono soddisfare gli Indicatori di Circolarità Ambientale e Sociale elaborati dal Comitato scientifico. Si tratta di 10 dimensioni complessive, di cui 3 inerenti la sostenibilità sociale (valore condiviso e comunità territoriali; inclusione sociale; certificazioni ambientali). La valorizzazione delle ricadute sociali delle esperienze mappate prende, infatti, in considerazione l’impatto prodotto sulle realtà di filiera connesse e sullo sviluppo di altre forme economiche nel tessuto locale.

Inoltre, l’Atlante considera e valuta positivamente il tasso di inclusione delle fasce svantaggiate e dei soggetti a rischio esclusione sociale, realizzato tramite il sostegno e il rafforzamento di esperienze sociali territoriali. Infine, si controlla che negli enti presi in considerazione per la selezione siano presenti report che analizzano, qualificano e le informazioni ambientali.

Qualche considerazione sul progetto

L’Atlante Italiano dell’Economia Circolare è un riuscito esperimento che, realizzando una raccolta organica delle best practices italiane, informa e sensibilizza sul tema del consumo critico e responsabile. Questo progetto è rilevante anche in una prospettiva di secondo welfare dal momento che – attraverso il coinvolgimento di una pluralità di attori di natura differente – promuove la creazione di nuovo valore sociale. Il concetto base del modello economico circolare – ossia la rigenerazione – è infatti qui declinato anche in senso sociale: le imprese e le associazioni interessate sono interpretate come in grado di accrescere il benessere nei territori in cui si collocano e verso le comunità che coinvolgono.

 

Vai all’articolo su Percorsi di secondo welfare

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti

Un’etichetta di riciclabilità (come quella energetica) può favorire la circolarità delle plastiche

Con il responsabile della piattaforma RecyClass, Paolo Glerean, analizziamo il meccanismo messo in piedi per favorire la produzione e l’utilizzo di imballaggi plastici di qualità elevata e dunque più adatti al riciclo

Cosa resterà dopo il Covid? La risposta è resiliente e circolare

All'edizione 2020 del World Circular Economy Forum, organizzata dal fondo finlandese Sitra, si è affrontato il tema del mondo dopo la pandemia. “Le partnership sono necessarie, non puoi fare le cose da solo"

Sant’Anna di Pisa e Area Science Park di Trieste insieme per la transizione ecologica

Due eccellenze del mondo della ricerca e dell’innovazione si uniscono per elaborare progetti congiunti e attività di supporto alle imprese, per diffondere i principi chiave dell’economia circolare

Biovitae, la lampada led contro il coronavirus

Secondo il promotore Silvano Falocco, la scoperta italiana "potrebbe modificare i protocolli di sicurezza nelle scuole". Dopo lo studio preliminare del Policlinico Militare Celio di Roma, ora si attende la pubblicazione su una rivista scientifica