fbpx
sabato, Novembre 28, 2020
- Advertisement -

TAG

università viterbo

Investire in conoscenza. Intervista a Enrico Maria Mosconi, Università della Tuscia

Enrico Maria Mosconi, docente di Economia Circolare all'Università della Tuscia di Viterbo, non ha dubbi: “Il principale investimento che l'italia deve fare è quello della conoscenza, non ci sono alternative possibili”.

Latest news

“Basta fondi Ue a inceneritori e discariche”. L’Europa dà priorità all’economia circolare

Le istituzioni comunitarie hanno approvato i criteri di impiego del Just Transition Fund e i nuovi criteri per i fondi regionali del Cohesion Fund. Un risultato epocale, valido per il periodo 2021-2027. “Ora i soldi andranno ai livelli prioritari della gerarchia dei rifiuti: riciclo e compostaggio, ma anche riduzione e riuso”

L’Europarlamento approva la risoluzione sul diritto alla riparazione. “Ora va cambiato il sistema”

Con una serie di obblighi per le case produttrici di dispositivi elettrici ed elettronici. il parlamento europeo ha approvato una risoluzione che rafforza il Right to Repair. Un passo in avanti contro l'obsolescenza programma e la riduzione dei rifiuti Raee. Il prossimo passo spetta alla Commissione

Troppa plastica, invertire la rotta è necessario: il report della Fondazione Ellen MacArthur

Dal 2018 chi vuole mettersi in gioco verso una transizione circolare ha la possibilità di unirsi al New Plastic Economy Global Commitment che in questi primi anni di vita ha come focus principale gli imballaggi. Secondo il report della Fondazione, bisogna puntare sulle soluzioni innovative. Che già esistono

“L’economia circolare ha bisogno di una visione utopica”. Colloquio con Cillian Lohan (Cese)

Dal Next Generation EU al Piano d’azione europeo per l’economia circolare, dai paradossi del concetto di circolarità alle idee di cambiamento: intervista a 360° con Cillian Lohan, membro di una delle più importanti istituzioni consultive comunitarie e promotore della Piattaforma europea degli attori dell’economia circolare

Genova Smart Week, il contributo delle città per l’economia circolare

Finora i centri urbani sono stati più consumatori di risorse e produttori di rifiuti che sistemi in grado di riutilizzare e valorizzare materiali e scarti. Eppure si può fare molto, come ha ribadito il panel che ha visto al centro del confronto il capoluogo ligure. “Ambiente ed economia non sono più contrapposte”
- Advertisement -