martedì, Ottobre 27, 2020

Fa’ la cosa giusta! Sicilia 2018

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com

V Edizione Fa’ la cosa giusta! Sicilia
Fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili

 

Venerdì 9 novembre 2018 | h 15:00
Aula Plenaria, Fiera del Mediterraneo, Palermo

 

Il 9 novembre, nell’ambito della V Edizione Fa’ la cosa giusta! Sicilia, saremo tra i relatori del convegno: “Confronto con la U.E. sullo stato di attuazione di Agenda 2030”.

 

 

IL CONVEGNO

Tre sono le caratteristiche innovative dell’Agenda 2030: la sua universalità, la necessità della partecipazione “dal basso” di tutti al cambiamento, la sua visione integrata dei problemi e delle azioni da realizzare per conseguire lo sviluppo sostenibile.

  • Sul consumo critico e le politiche con le autorità locali italiane ed europee;
  • Analisi del cammino dell’Italia per lo sviluppo umano sostenibile;
  • Sui progetti e percorsi per l’attuazione dell’Economia Circolare e degli obiettivi SDG’s (Obiettivi di sviluppo umano sostenibile) nei territori.

 

Coordina: Paolo Cacciari, giornalista

 

Interventi

Il commercio equo solidale: la scelta sostenibile dei territori:

  • Esponente dell’Unione Europea *
  • Soana Tortora, Solidarius International Network
  • Massimo Renno, Ass. Botteghe del Mondo

Strategie eco-sistemiche per la riconversione ecologica e sociale dei territori:

  • Riccardo Troisi, Università Cooperativa di Colombia Economie Trasformative

Il ruolo dei governi locali e della società civile nel raggiungimento degli obiettivi per lo sviluppo
sostenibile

  • Carla Rey, AICCRE (Associazione italiana del consiglio europeo dei comuni e delle regioni)

Atlante Italiano dell’Economia Circolare

  • Marica Di PierriPresidente CDCA (Centro Documentazione Conflitti Ambientali)

L’Antropocene, l’antropocentrismo e il ruolo del paesaggio

  • Giuseppe Barbera, Dip. Colture Arboree Università di Palermo – Comitato Scientifico FLCGS

La situazione dei Beni Comuni in Sicilia

  • Antonella Leto, Forum Acqua e Beni Comuni

 

*In attesa di conferma

 

LA FIERA

L’obiettivo di “Fa’ la cosa giusta! Sicilia” è far conoscere i prodotti, i progetti e le prassi del consumo critico e sostenibile, e contribuire alla crescita e all’affermazione di quel mondo sempre più vasto di gruppi, associazioni, imprese sociali ed aziende che praticano e diffondono il corretto rapporto tra produzione di beni di consumo o di servizi e l’ambiente, tutela dei lavoratori e giustizia globale.

L’ambito culturale è quello di tutti i soggetti che propongono un nuovo approccio al commercio, al credito, ai consumi quotidiani, alla produzione d’informazione e cultura, che includa solidarietà, partecipazione, rispetto delle diversità e approcci non violenti.

La Fiera si propone come una “piazza pubblica”, luogo di aggregazione e condivisione tra le persone e realtà che vogliono percorrere insieme questa strada.

L’edizione di quest’anno è incentrata sulla costruzione dell’Economia Sociale e Solidale in Sicilia e del rapporto con l’Unione Europea, il programma culturale riguarda: Le Giornate Europee dell’Economia Sociale e solidale (leggi tutto).

I temi trattati sono: lo stato di attuazione di Agenda 2030, applicazioni dell’Economia Circolare in Sicilia, la legge sulla piccola agricoltura contadina, le leggi a sostegno dell’Economia Solidale nelle regioni, il commercio equo e le botteghe del mondo, bioagricotura sociale, turismo responsabile, sistemi innovativi d’accoglienza per favorire processi d’integrazione e di coesione dei migranti, migrazioni-agricoltura etica-consumo consapevole, valorizzazione delle acque marino costiere e piccola pesca, finanza etica e strumenti alternativi di finanza.

Le giornate europee di Palermo costituiscono l’opportunità per riportare il Mediterraneo nella centralità della Comunità Europea, avendo nella Sicilia, e in Palermo capitale, il focus. Un epicentro in grado di coniugare storicamente la convivenza delle civiltà dei popoli, di costruire sistemi socio-economici ecologicamente sostenibili e solidali.

Scopri il programma culturale

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

L’incontro online che si è tenuto il 26 ottobre, e promosso dal movimento Legge rifiuti zero, ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Per attuare il nuovo paradigma economico e sociale servono decentramento, sostenibilità e autosufficienza

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti

Un’etichetta di riciclabilità (come quella energetica) può favorire la circolarità delle plastiche

Con il responsabile della piattaforma RecyClass, Paolo Glerean, analizziamo il meccanismo messo in piedi per favorire la produzione e l’utilizzo di imballaggi plastici di qualità elevata e dunque più adatti al riciclo