sabato, Ottobre 24, 2020

RIFÒ

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Fabrizio Sarra e Lucia Capobianco]
La riscoperta della tradizione di rigenerazione della lana per una produzione responsabile e sostenibile: Rifò il progetto per un fashion circolare e senza sprechi.

Sinossi

Quanti indumenti vengono comprati e poi gettati avendoli usati una sola volta o non essendo mai stati venduti? La moda corre veloce e l’invenduto diventa scarto. Niccolò Cipriani, origini pratesi e un’esperienza in Vietnam, ha la risposta: quello che voi buttate io lo rifaccio o come direbbe lui lo “Rifò”! Da questa idea nasce il progetto che ha l’obiettivo di riscoprire l’antica tradizione della lavorazione dei “cenci” per creare prodotti di qualità. La raccolta e selezione di vecchi indumenti e la loro trasformazione in nuova materia prima è sempre stata al centro della tradizione tessile pratese. Questi filati rigenerati sono però sempre stati considerati materiali di qualità inferiore. Rifò vuole dimostrare al mercato del fashion che si possono utilizzare filati rigenerati per produrre maglioncini in cashmere, fresche t-shirt e teli da mare con notevoli vantaggi economici ed ecologici riducendo notevolmente i consumi di acqua, di pesticidi e di prodotti chimici utilizzati normalmente durante la produzione, senza compromessi sulla qualità del prodotto. La filiera di Rifò è a Km0, l’intero ciclo produttivo si svolge nel raggio di 30 Km intorno a Prato. L’impegno di Rifò è quello di creare nuove opportunità di lavoro sul territorio con la certezza della qualità dei prodotti e soprattutto dell’eticità del processo produttivo. Niccolò vuole conciliare le tecniche di lavorazione del passato ma con lo sguardo sempre fisso verso il futuro, soprattutto quello del nostro pianeta.

[ngg src=”galleries” ids=”59″ display=”basic_thumbnail” show_slideshow_link=”0″]

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Un’etichetta di riciclabilità (come quella energetica) può favorire la circolarità delle plastiche

Con il responsabile della piattaforma RecyClass, Paolo Glerean, analizziamo il meccanismo messo in piedi per favorire la produzione e l’utilizzo di imballaggi plastici di qualità elevata e dunque più adatti al riciclo

Cosa resterà dopo il Covid? La risposta è resiliente e circolare

All'edizione 2020 del World Circular Economy Forum, organizzata dal fondo finlandese Sitra, si è affrontato il tema del mondo dopo la pandemia. “Le partnership sono necessarie, non puoi fare le cose da solo"

Sant’Anna di Pisa e Area Science Park di Trieste insieme per la transizione ecologica

Due eccellenze del mondo della ricerca e dell’innovazione si uniscono per elaborare progetti congiunti e attività di supporto alle imprese, per diffondere i principi chiave dell’economia circolare

Biovitae, la lampada led contro il coronavirus

Secondo il promotore Silvano Falocco, la scoperta italiana "potrebbe modificare i protocolli di sicurezza nelle scuole". Dopo lo studio preliminare del Policlinico Militare Celio di Roma, ora si attende la pubblicazione su una rivista scientifica

Plastic Pact, anche gli Usa contro l’abuso della plastica

Il consorzio mette insieme oltre 60 realtà tra aziende, agenzie governative e ong. Con l'obiettivo di recuperare il gap con l'Europa attraverso la collaborazione di colossi come Coca Cola e L'Oreal