fbpx
venerdì, Aprile 19, 2024
RUBRICA

SPECIALE | PFAS
S

Si chiamano PFAS, quattro lettere difficili da pronunciare una di seguito all’altra, e fanno parte della nostra vita. I PFAS sono una famiglia di sostanze chimiche che contengono fluoro e sono presenti negli involucri dei fast food, negli imballaggi, negli abiti, nelle moquette, nei cosmetici, nei chip dei computer, nelle schiume antincendio. Più in generale in quasi tutto ciò che è impermeabile all’acqua e ai grassi. Prove sulla tossicità, persistenza, bioaccumulo e possibile cancerogenicità di queste sostanze chimiche c’erano già da decenni, ma sono state spesso insabbiate dalle aziende che le producevano e nascoste alle agenzie pubbliche che avrebbero dovuto difendercene.

Veneto, Piemonte, Lombardia, Sardegna: in Italia sono queste le Regioni dove ampi casi di contaminazione sono stati già accertati. Ma il quadro è molto probabilmente deficitario perché purtroppo gli enti pubblici sono indietro in tante parti d’Italia nella ricerca di queste molecole, anche nell’acqua potabile. Perché ci sono problemi oggettivi legati alla tracciabilità di queste molecole nelle filiere agroalimentari. E, a parte il recentissimo caso del Veneto, manca un mandato politico per portare questi inquinanti tra le priorità della difesa della salute pubblica e dell’ambiente.

Alcuni articoli che compongono questo dossier sono stati realizzati dalle partecipanti e dai partecipanti al workshop conclusivo del “Corso di giornalismo d’inchiesta ambientale” organizzato da A Sud, CDCA – Centro di Documentazione sui Conflitti Ambientali ed EconomiaCircolare.com, in collaborazione con IRPI MEDIA, Fandango e Centro di Giornalismo Permanente.

© Riproduzione riservata

Inquinanti alla carta: il vero prezzo dei nostri menù quotidiani

Dalle ubiquitarie microplastiche ai forever chemicals, la chimica è ormai entrata a far parte della nostra alimentazione

Bilott, avvocato incubo dei produttori di PFAS: “I cittadini hanno un enorme potere e devono usarlo”

Robert Bilott, l’avvocato che ha sconfitto la multinazionale DuPont scoperchiando per primo il vaso di Pandora sulla contaminazione da PFAS, fa il quadro della situazione 25 anni dopo lo storico processo. Si va avanti troppo lentamente nella regolamentazione, le resistenze istituzionali sono forti e il grande pubblico dovrebbe essere più informato: ma ci sono anche segnali positivi che dobbiamo essere pronti a cogliere

PFAS, la sigla tossica che avvelena l’Europa

Sono i forever chemicals, molecole stabili e resistenti che nel corso del tempo si accumulano nell’ambiente, negli animali e negli esseri umani. Oltre quattromila prodotti dell’industria chimica che solo in Europa, secondo un’inchiesta giornalistica, hanno contaminato più di 17.000 siti

“PFAS, nessuno è immune”. Intervista a Giuseppe Ungherese

Responsabile campagna inquinamento di Greenpeace Italia e autore di un saggio sui PFAS appena pubblicato, Ungherese ci racconta come i forever chemicals entrano nelle nostre vite seguendo un copione già visto con l’amianto, il DDT, o il fumo del tabacco