venerdì, Maggio 27, 2022
RUBRICA

SPECIALE | Tassonomia Ue
S

Comunque la si voglia vedere, un merito l’ha avuto: riportare al centro la politica. Da intendere come arte del compromesso o della mediazione, a seconda del punto di osservazione. La tassonomia dell’Unione europea, vale a dire la classificazione degli investimenti ritenuti sostenibili dal punto di vista ambientale, per mesi ha fatto discutere, appassionare, riflettere, scontrare. Un dato notevole, soprattutto dopo che la Commissione europea è giunta all’atto delegato complementare, con il quale dovrà fornire indicazioni precise per gli investimenti privati, dopo anni di rinvii e polemiche.

Una partita ancora aperta, sia chiaro: la contestata scelta di inserire sia il gas che il nucleare tra le attività green, seppur con determinati limiti, è soltanto uno degli aspetti ambientali che l’UE vuole definire per raggiungere gli obiettivi climatici che si è posta – la riduzione del 55 per cento delle emissioni entro il 2030 e la neutralità climatica al 2050. Insieme ai fondi pubblici, come quelli del Next Generation EU, le istituzioni comunitarie sono consapevoli che è necessario anche l’ausilio dei privati. Ecco perché, dunque, l’intruduzione di un sistema di classificazione che possa supportare le imprese nelle proprie scelte e aiuti a indirizzare gli investimenti.

Come avrete modo di leggere nel nostro Speciale, in questi mesi abbiamo raccontato le posizioni in campo, abbiamo riportato il parere degli esperti e delle ong che sono state consultate dalla Commissione, abbiamo analizzato gli equilibri geopolitici e provato a comprendere la posizione dell’Italia, abbiamo sollevato domande e provato a fornire risposte.

Siamo ben consci che la sfida della tassonomia è ardua e che (anche) da questo passaggio dipendono i destini dell’Italia, dell’Europa e dell’ambiente. Il nostro contributo, lo sapete, si basa su un giornalismo costruttivo e rigoroso. Anche per questo motivo rinnoviamo l’invito a inoltrarci i vostri pareri e i vostri contributi. Intanto buona lettura.

© Riproduzione riservata

Incenerimento? REF: “Per rifiuti non riciclabili non dovrebbe essere escluso dalla Tassonomia”

Il nuovo paper di REF su Tassonomia e rifiuti: “Il recupero energetico dei rifiuti indifferenziati non dovrebbe essere escluso, ma piuttosto promosso laddove consente di minimizzare lo smaltimento in discarica a valle dell’implementazione di tutte le azioni possibili che ambiscono a massimizzare la prevenzione e il riciclo dei rifiuti”.

Esperti Ue, una tassonomia “a semaforo” per correggere gli errori su gas e nucleare

Tassonomia a tre colori e maggiore integrazione dei criteri green con quelli sociali. Come la piattaforma per la finanza sostenibile tenta di migliorare la tassonomia: ma intanto la guerra in Ucraina aumenta le pressioni sul mercato Esg

Perché la lobby delle armi preme per entrare nella tassonomia sociale dell’Unione europea

La Commissione europea al lavoro per una tassonomia sociale sul modello della tassonomia verde per favorire gli investimenti sociali. Ma le lobby sono già al lavoro per allargare le maglie. La più forte è quella delle armi

La tassonomia alla prova della guerra in Ucraina: come si applica e quali sono le tempistiche

Più che la tassonomia potè la guerra? A volte le coincidenze sono fondamentali. Per mesi l'Unione europea ha rinviato la decisione sulla tassonomia, vale...