mercoledì, Ottobre 28, 2020

LA SPA DEI LOMBRICHI

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Filippo Bellantoni e Francesca Della Giovampaola]
Da un rifiuto speciale a un fertilizzante ricco di nutrienti per la terra. Il sistema Bioxplosion , grazie ai lombrichi, trasforma il letame di cavallo dei centri ippici in fertilissimo humus

Sinossi

Bioxplosion, azienda fondata nel 2016 a Migliarino, in provincia di Pisa, ha sviluppato e brevettato un sistema semplice da gestire per convertire il letame di cavallo in fertilizzante. L’idea nasce all’interno della Tenuta Isola, famoso centro ippico per l’allenamento di cavalli da trotto, dove il letame prodotto dai circa 200 animali ospitati costituiva un rifiuto speciale costoso da smaltire. L’imprenditore Luca Mori ha sviluppato Bioxplosion insieme a Tommaso Pardi che si occupa della parte organizzativa e gestionale e alla giovane Violante Mori, responsabile della comunicazione.
Con la collaborazione dell’Università di Pisa, il team di Bioxplosion ha sviluppato un sistema meccanizzato che crea un ambiente ideale per la vita dei lombrichi. Grazie all’incessante lavoro degli “spazzini della terra”, il letame viene digerito e purificato e si trasforma in vermicompost . Rispetto ad altri metodi di lombricoltura, Bioxplosion riduce il lavoro manuale e i rischi connessi alle gestione del ciclo produttivo.
La rete di distribuzione dell’humus di lombrico prodotto con il sistema Bioxplosion è attualmente attiva in Toscana, Lazio e Lombardia. È in corso uno studio per adattare il sistema alla trasformazione dei rifiuti organici urbani.
“In un momento di crisi sociali, economiche e ambientali le aziende agricole dovranno diventare autosufficienti” spiega nel video l’allevatore Giuseppe Botti, “La natura dà grandi possibilità e noi dovremmo coglierle al volo”.

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Recovery fund, l’appello di 100 imprese per la svolta green: “Si adottino misure credibili”

Cento imprese italiane hanno firmato un appello per richiedere misure credibili e più efficaci per la transizione ecologica

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti

Un’etichetta di riciclabilità (come quella energetica) può favorire la circolarità delle plastiche

Con il responsabile della piattaforma RecyClass, Paolo Glerean, analizziamo il meccanismo messo in piedi per favorire la produzione e l’utilizzo di imballaggi plastici di qualità elevata e dunque più adatti al riciclo