fbpx
sabato, Dicembre 5, 2020

La strategia europea per la finanza sostenibile

La Sustainable Financial Strategy 2.0 mira a riorientare i flussi di capitali verso investimenti sostenibili e a promuovere la trasparenza e la visione di lungo termine nelle attività economico-finanziarie

Antonio Carnevale
Antonio Carnevale
Nato a Roma, giornalista pubblicista dal 2012, autore radiofonico ed esperto di comunicazione e new media. Appassionato di sport, in particolare tennis e calcio, ama la musica, il cinema e le nuove tecnologie. Da qui nasce il suo impegno su StartupItalia! e Wired Italia, dove negli anni - spaziando tra startup, web, social network, piattaforme di intrattenimento digitale, robotica, nuove forme di mobilità, fintech ed economia circolare - si è occupato di analizzare i cambiamenti che le nuove tecnologie stanno portando nella nostra società e nella vita di tutti i giorni.

Per consentire ai mercati finanziari di riorientare i flussi di capitali verso investimenti sostenibili già a marzo 2018 la Commissione ha lanciato un piano di riforme, l’Action Plan Financing Sustainable Growth, ed ha agito per attuare le misure ritenute più urgenti, in linea con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Adesso, con il lancio del Green Deal europeo prende anche il via la Sustainable Financial Strategy 2.0, che dovrebbe includere altre importanti azioni utili a riorientare i flussi di capitali verso investimenti sostenibili, gestire i rischi finanziari derivanti dai cambiamenti climatici, dall’esaurimento delle risorse, dal degrado ambientale e dalle questioni sociali e promuovere la trasparenza e la visione di lungo termine nelle attività economico-finanziarie.

In primis, l’avanzamento dei lavori sulla cosiddetta “tassonomia”, una delle iniziative che potrebbero contribuire a incrementare le potenzialità della finanza sostenibile. Si tratta di una classificazione delle attività economiche eco-compatibili, concepita come guida per gli investitori che intendono orientare i propri investimenti verso attività in linea con gli obiettivi ambientali dell’Ue. L’entrata in vigore della tassonomia è stata fissata al 2022.

La Sustainable Financial Strategy 2.0 prevede ancora, tra le altre cose, l’introduzione di EU Green Bond standard, obbligazioni “verdi” che dovranno finanziare le attività economiche sostenibili come definite dalla tassonomia e di EU label, un marchio di qualità ecologica unico attribuito ai prodotti finanziari.

In vista della settimana Sri (Sustainable and responsible Investment), che si terrà dall’11 al 25 novembre, è arrivata al Governo italiano la richiesta di un corretto utilizzo dei fondi messi a disposizione dall’Unione europea dal Forum per la Finanza Sostenibile. Le risorse del Next Generation EU vanno usate – chiede il Forum – per “costruire un piano d’investimenti che non faccia gravare il peso della crescita sulle generazioni future e che garantisca la sostenibilità e la resilienza della finanza pubblica”. Come?

Attraverso otto azioni principali. Innanzittutto attraverso l’impiego della tassonomia europea, per identificare i settori strategici su cui intervenire. Inoltre con la promozione degli strumenti di finanza sostenibile che accelerano il passaggio alle fonti energetiche rinnovabili. E poi, l’allineamento degli strumenti di finanza pubblica ai benchmark climatici, l’emissione di green bond e social, sustainability e transition bond sovrani e regionali, da impiegare per il sistema sanitario, scolastico, contro il gender gap, modificando anche i vincoli di bilancio e i limiti di indebitamento se necessario. Infine, si richiede di incoraggiare l’erogazione di linee di credito vincolate a obiettivi di sostenibilità e di sostenere l‘impact investing, per iniziative che garantiscano un ritorno ambientale e finanziario del capitale investito.

© Riproduzione riservata

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

L’Europarlamento approva la risoluzione sul diritto alla riparazione. “Ora va cambiato il sistema”

Con una serie di obblighi per le case produttrici di dispositivi elettrici ed elettronici. il parlamento europeo ha approvato una risoluzione che rafforza il Right to Repair. Un passo in avanti contro l'obsolescenza programma e la riduzione dei rifiuti Raee. Il prossimo passo spetta alla Commissione

Genova Smart Week, il contributo delle città per l’economia circolare

Finora i centri urbani sono stati più consumatori di risorse e produttori di rifiuti che sistemi in grado di riutilizzare e valorizzare materiali e scarti. Eppure si può fare molto, come ha ribadito il panel che ha visto al centro del confronto il capoluogo ligure. “Ambiente ed economia non sono più contrapposte”

Bioplastiche, approvato lo statuto del consorzio Biorepack

Con la pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale, il consorzio entra a far parte della filiera Conai. Un settore d’eccellenza, quello delle bioplastiche, con Biorepack che racchiude da sola 252 aziende, 2600 addetti, 700 milioni di euro di fatturato. “Per rafforzare la leadership nel settore della bioeconomia circolare”

Se l’analisi Lca serve a non abbandonare la plastica monouso

Secondo un’indagine commissionata dal movimento Break free from plastic alla società Eunomia, l’analisi del ciclo di vita degli imballaggi in plastica spesso è distorta e serve alle aziende per non abbandonare l’usa e getta. Un’ombra pesante su uno strumento prezioso per valutare l’impatto delle scelte produttive

Oggi è il Circular Monday, l’anti Black Friday che incoraggia le alternative circolari

Nel pieno della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, dalla Svezia torna l'iniziativa che al consumismo sfrenato del "venerdì nero" contrappone una giornata che pone l'accento sui consumi utili e necessario, all'insegna del riciclo e del riutilizzo. Quali sono le vostre scelte circolari?