sabato, Aprile 10, 2021

(R)ECOLOGY

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Simone Inagni e Emilia Cedrone]
(R)ecology narra dell’uso di materie riciclate, del 90% in meno di emissioni di CO2, di un processo che sfrutta temperature inferiori ai 100 °C. No, questa non è fantascienza. Questa è ReCO2


Sinossi

Come in una perfetta fiaba moderna, è proprio nella piccola Pontecorvo (FR) che nasce la futura stella della bioedilizia made in Italy: Reco2.
La formula brevettata dalla startup non solo è geniale, ma porta con sé un’innovazione tale che il successo sui mercati nazionali e internazionali è mera questione di tempo.
In un ecosistema ormai al collasso sotto ogni profilo, Reco2 è riuscita a veicolare tutto il potenziale delle “3 R” (r-iusa / r-iduci / r-icicla) in due prodotti:
  • VYTREUM, per la pavimentazione ecosostenibile e l’arredo urbano
  • MICROGLASS, per l’isolamento termoacustico
I dati oggettivi relativi ai prodotti sono così positivi da risultare, a una prima lettura, quasi utopistici:
  • Fino al 95% nella riduzione di emissione di CO2
  • Energia termica ridotta di circa l’80% rispetto ai processi tradizionali
  • Il 90% in meno del consumo d’acqua
  • L’uso esclusivo, al 100%, di materie prime riciclate (PFU, vetro, scarti di acciaierie e altri materiali inerti)
(R)ecology narra l’impegno concreto di quattro ventenni che sentono sulla loro pelle il ticchettio di quel countdown implacabile col quale tutti dovremo fare i conti.
La storia di Luca, Desirée, Daniele e Tommaso è preziosa, perché ci dimostra che la realtà in cui viviamo è ancora nelle nostre mani, che quel conto alla rovescia può essere davvero rallentato e, perché no, un giorno persino bloccato.

Previous articleIL CIRCUITO CIRCOLARE
Next articleTUTTO TORNA IN VITA
Scopri la piattaforma ICESP

Potrebbe interessarti

Ultime notizie