mercoledì, Ottobre 28, 2020

RESTAURO AL FUTURO

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Andrea Rendine e Gianluca Rizzello]
Mobili colpiti dai segni del tempo, non c’è futuro per loro, persone colpite dai segni dei nostri tempi, deve esserci futuro per loro.
Impegno e condivisione plasmeranno il futuro di entrambi.

Sinossi

Con il progetto arredi sociali della cooperativa onlus Il martin pescatore di Monte San Pietro (BO), prende forma la simbiosi tra l’integrazione sociale ed il recupero, il restauro e la vendita di mobili destinati al centro di raccolta.
Dal recupero dei mobili senza avvenire, che avviene direttamente a casa delle famiglie che ne fanno richiesta (303 arredi ritirati nel 2018 per un totale di 6733 kg) nasce la magia del restauro al futuro.
Con i consigli e la supervisione dei maestri mobilieri e degli educatori, i 22 tirocinanti del progetto di integrazione sociale smontano, raschiano, lavano, levigano, carteggiano, incollano, stuccano, verniciano, incerano e rimontano un nuovo futuro per i mobili e per sé stessi.
La cooperativa nata nel 1990 conta ad oggi 35 soci lavoratori, di cui 11 appartenenti a categorie svantaggiate, si appoggia sul supporto di 60 dipendenti di cui 15 appartenenti a categorie svantaggiate e accoglie al suo interno persone con vulnerabilità psico-sociale correlata a problematiche psichiatriche, dipendenze patologiche e complesse dinamiche
familiari, con l’intento di creare, per ognuno di essi, un reinserimento nella collettività attraverso il lavoro, l’autonomia e la socialità.
Il progetto di integrazione sociale e servizi alla collettività di Monte San Pietro (BO) e di tutti i comuni limitrofi, Bologna compresa, incastona come un prezioso gioiello, questa cooperativa fra l’economia circolare e la socialità circolare del territorio Emiliano Romagnolo.

[ngg src=”galleries” ids=”54″ exclusions=”875″ display=”basic_thumbnail” show_slideshow_link=”0″]

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Recovery fund, l’appello di 100 imprese per la svolta green: “Si adottino misure credibili”

Cento imprese italiane hanno firmato un appello per richiedere misure credibili e più efficaci per la transizione ecologica

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti

Un’etichetta di riciclabilità (come quella energetica) può favorire la circolarità delle plastiche

Con il responsabile della piattaforma RecyClass, Paolo Glerean, analizziamo il meccanismo messo in piedi per favorire la produzione e l’utilizzo di imballaggi plastici di qualità elevata e dunque più adatti al riciclo