fbpx
sabato, Dicembre 5, 2020

Riconvertire le imprese in modo circolare? Si può, il Mise proroga i termini

Dal governo 210 milioni di euro a disposizione delle imprese per progetti di ricerca e sviluppo dedicati all'economia circolare. L’intervento si basa su un aspetto fondamentale: la riconversione delle attività produttive in suolo italiano, privilegiando soprattutto un efficiente uso delle risorse

Caterina Ambrosini
Caterina Ambrosini
Laureata in Gestione dell’ambiente e delle risorse naturali presso la Vrije Universiteit di Amsterdam con specializzazione in Biodiversità e valutazione dei servizi forniti dall'ecosistema. Da inizio 2020, collabora con l’Atlante Italiano dell’Economia Circolare nel lavoro di mappatura delle realtà nazionali e nella creazione di contenuti.

Dal 10 dicembre 2020 sarà possibile per le imprese presentare le domande per accedere al Fondo per la crescita sostenibile per i progetti di ricerca e sviluppo nell’ambito dell’economia circolare, attivato dal Ministero dello Sviluppo Economico con decreto 11 giugno 2020. Grazie alle agevolazioni del Decreto Crescita, gli investimenti sono rivolti al sostegno di innovazioni e soluzioni sostenibili per incentivare la riconversione delle attività produttive in chiave circolare. La misura vuole quindi promuovere lo sviluppo di progetti che siano finalizzati a aumentare il valore dei prodotti, dei materiali e delle risorse, e allo stesso tempo ridurre la produzione di scarti. Sono stati messi in campo oltre 210 milioni di euro destinati a imprese attive nel mondo industriale, agricolo, dell’artigianato, centri di ricerca e di servizi all’industria. Le domande possono essere presentate singolarmente o congiuntamente, e in quest’ultimo caso sono ammessi anche organismi di ricerca ad affiancare i proponenti. Per chi vuole avvantaggiarsi, dal 30 novembre sarà possibile precompilare le domande e gli allegati richiesti.

Il MiSE ha messo a disposizione delle imprese che vogliono cavalcare l’onda della transizione verso un’economia circolare oltre 210 milioni. Di questa importante cifra, 155 milioni di euro sono destinati a finanziamenti a valere sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca (FRI). Per la quota restante, 62 milioni di euro, la misura interviene per la concessione dei contributi alla spesa sul Fondo sviluppo e coesione (40 milioni), destinati per l’80% a progetti nel Mezzogiorno, sul Fondo per la crescita sostenibile (20 milioni) e sulle risorse messe a disposizione dalla Regione Basilicata (2 milioni) per progetti nel suo territorio. Con le modifiche apportate in data 6 novembre, sono stati aggiunti 2 milioni di euro per i finanziamenti agevolati e 800 mila euro per i contributi alla spesa. Per i finanziamenti concessi sul FRI, le imprese potranno contare su un supporto per il 50% delle spese e dei costi ammissibili di progetto. Per il contributo alla spesa, i finanziamenti copriranno il 20% di spese e costi per le micro, piccole imprese e organismi di ricerca, il 15% per le medie imprese e il 10% per le grandi. Per accedere alle agevolazioni, il progetto, oltre a essere attuato in unità produttive situate in Italia, deve prevedere spese e costi ammissibili tra i 500 mila e i 2 milioni di euro e avere una durata non inferiore a 12 mesi e non superiore a 36 mesi.

L’intervento si basa su un aspetto fondamentale: la riconversione delle attività produttive in suolo italiano. I progetti devono avere l’obiettivo di creare nuovi prodotti, processi o servizi che seguano i principi dell’economia circolare. In alternativa si può puntare su uno sviluppo delle tecnologie abilitanti per spingere verso un miglioramento dei prodotti, processi o servizi già esistenti. La misura del MiSE quindi interviene sulle attività di ricerca e sviluppo che possono avviare le imprese verso una riconversione e transizione circolare. Entrando più nello specifico, i progetti devono essere indirizzati verso un efficiente uso delle risorse, e trasformazione e trattamento dei rifiuti. La progettazione di processi di simbiosi industriale si aggiunge agli ambiti di finanziamento, così come anche lo sviluppo di strumenti per aumentare la vita del prodotto e migliorare l’intero ciclo produttivo. I progetti possono anche essere finalizzati alla sperimentazione di imballaggi alternativi, alla gestione sostenibile delle risorse idriche e all’incremento del recupero e riciclo dei materiali leggeri.

© Riproduzione riservata

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

L’Europarlamento approva la risoluzione sul diritto alla riparazione. “Ora va cambiato il sistema”

Con una serie di obblighi per le case produttrici di dispositivi elettrici ed elettronici. il parlamento europeo ha approvato una risoluzione che rafforza il Right to Repair. Un passo in avanti contro l'obsolescenza programma e la riduzione dei rifiuti Raee. Il prossimo passo spetta alla Commissione

Genova Smart Week, il contributo delle città per l’economia circolare

Finora i centri urbani sono stati più consumatori di risorse e produttori di rifiuti che sistemi in grado di riutilizzare e valorizzare materiali e scarti. Eppure si può fare molto, come ha ribadito il panel che ha visto al centro del confronto il capoluogo ligure. “Ambiente ed economia non sono più contrapposte”

Bioplastiche, approvato lo statuto del consorzio Biorepack

Con la pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale, il consorzio entra a far parte della filiera Conai. Un settore d’eccellenza, quello delle bioplastiche, con Biorepack che racchiude da sola 252 aziende, 2600 addetti, 700 milioni di euro di fatturato. “Per rafforzare la leadership nel settore della bioeconomia circolare”

Se l’analisi Lca serve a non abbandonare la plastica monouso

Secondo un’indagine commissionata dal movimento Break free from plastic alla società Eunomia, l’analisi del ciclo di vita degli imballaggi in plastica spesso è distorta e serve alle aziende per non abbandonare l’usa e getta. Un’ombra pesante su uno strumento prezioso per valutare l’impatto delle scelte produttive

Oggi è il Circular Monday, l’anti Black Friday che incoraggia le alternative circolari

Nel pieno della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, dalla Svezia torna l'iniziativa che al consumismo sfrenato del "venerdì nero" contrappone una giornata che pone l'accento sui consumi utili e necessario, all'insegna del riciclo e del riutilizzo. Quali sono le vostre scelte circolari?