venerdì, Ottobre 23, 2020

RIPARTENDO DAL LOMBRICO

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Andrea Fasano e Assia leradi]
Da sempre i lombrichi hanno reso fertile e vivibile la Terra: nel Centro di Lombricoltura Toscano lo scarto diviene humus e così l’Economia Circolare non solo imita, ma asseconda il ciclo naturale

Sinossi

I lombrichi o sono amati o suscitano ribrezzo, fin dalla nostra infanzia. Quello che cambia, divenendo adulti, è che ci si può rendere conto del loro ruolo fondamentale nella vita sulla superficie terrestre.
Vecchiano, Parco Naturale di San Rossore (PI): il Centro di Lombricoltura Toscano, fondato nel 2013 da tre professionisti, è una realtà di Economia Circolare in cui gli scarti come il letame equino, bovini e ovino vengono trasformati in fertilizzante naturale, grazie all’incessante lavoro dei lombrichi. Il prodotto, l’Humus CLT, non è destinato solo alle grandi aziende agricole, ma anche a privati, comunità e realtà di diverso tipo; i vengono anche condivise le competenze, costruendo piccole lombricompostiere, per far sì che l’azione di riciclo degli scarti diventi il più capillare possibile e che non si limiti al letame, divenendo una buona pratica nella quotidianità.
L’Economia Circolare, che solitamente si rifà al ciclo naturale, con il vermicompostaggio torna alle origini, facendo sì che sia la stessa attività dei lombrichi ad essere economicamente vantaggiosa, oltre a smaltire rifiuti in maniera sicura, dimostrando che questa via, l’unica possibile nel futuro prossimo, è davvero praticabile.

[pdf-embedder url=”https://www.economiacircolare.com/wp-content/uploads/2019/08/Ripartendo-dal-lombrico.pdf” title=”Ripartendo dal lombrico”]

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Un’etichetta di riciclabilità (come quella energetica) può favorire la circolarità delle plastiche

Con il responsabile della piattaforma RecyClass, Paolo Glerean, analizziamo il meccanismo messo in piedi per favorire la produzione e l’utilizzo di imballaggi plastici di qualità elevata e dunque più adatti al riciclo

Cosa resterà dopo il Covid? La risposta è resiliente e circolare

All'edizione 2020 del World Circular Economy Forum, organizzata dal fondo finlandese Sitra, si è affrontato il tema del mondo dopo la pandemia. “Le partnership sono necessarie, non puoi fare le cose da solo"

Sant’Anna di Pisa e Area Science Park di Trieste insieme per la transizione ecologica

Due eccellenze del mondo della ricerca e dell’innovazione si uniscono per elaborare progetti congiunti e attività di supporto alle imprese, per diffondere i principi chiave dell’economia circolare

Biovitae, la lampada led contro il coronavirus

Secondo il promotore Silvano Falocco, la scoperta italiana "potrebbe modificare i protocolli di sicurezza nelle scuole". Dopo lo studio preliminare del Policlinico Militare Celio di Roma, ora si attende la pubblicazione su una rivista scientifica

Plastic Pact, anche gli Usa contro l’abuso della plastica

Il consorzio mette insieme oltre 60 realtà tra aziende, agenzie governative e ong. Con l'obiettivo di recuperare il gap con l'Europa attraverso la collaborazione di colossi come Coca Cola e L'Oreal