fbpx
domenica, Agosto 1, 2021

ScartOff, l’ecobottega artigianale di comunità. “Dai rifiuti ricaviamo bellezza”

Dal 2013 il laboratorio artigianale coinvolge cittadini, artigiani e imprese nella sfida di trovare una nuova vita ai materiali di scarto attraverso il design e la creatività. La sua ideatrice, Michela Raciola, racconta la genesi di un progetto giovane e che guarda al futuro: "Tutto nasce in Serbia"

Alessandra De Santis
Educatrice e comunicatrice ambientale. Dopo gli studi in biologia segue il Corso EuroMediterraneo di giornalismo ambientale Laura Conti. Dal 2016 collabora con l'associazione A Sud Ecologia e Cooperazione Onlus, per cui si occupa di progetti di educazione ambientale e di formazione pensati per creare maggiore consapevolezza sull'importanza di modelli di produzione e consumo sostenibili, e con il CDCA - Centro di Documentazione sui Conflitti Ambientali, coordinando il lavoro di mappatura per l'Atlante Italiano dell'Economia Circolare.

“Dar valore alla pratica del riuso prima del riciclo” è il principio da cui, nella mente di Michela Rociola, muove i primi passi l’idea di un’ecobottega. Passi fatti su una strada, che parte da una discarica in Serbia e arriva a Barletta. È quella dell’upcycling, che unisce valore artistico e funzionalità attraverso il design ecosostenibile. Michela la intravede dopo una laurea in scenografia e un master in progettazione sostenibile.

“L’ho scelta – racconta – per sentirmi più utile dopo un’esperienza importante sia dal punto di vista umano che ambientale. Sono stata selezionata per un progetto di gemellaggio tra l’Accademia delle Belle Arti di Firenze e quella di Belgrado. Per sei mesi abbiamo lavorato in una discarica a cielo aperto con lo scopo di far uscire bellezza da quel cumulo di rifiuti. Quella è stata la mia prima sfida nell’economia circolare. Un conto è quando lo ascolti dai racconti, un altro quanto lo tocchi con mano”. Così è scattata in Serbia la scintilla che ha dato vita all’associazione culturale ScartOff e alla prima ecobottega di artigianato e riuso creativo in Puglia.

Designer e artigiani per la riduzione dei rifiuti

Niente più scarti perché sono risorse: si evince già dal nome, ScartOff, che apre i battenti a Barletta nel 2013. Il recupero dei sottoprodotti e degli oggetti in disuso attraverso la progettazione creativa fanno di questo laboratoriocensito nell’Atlante Italiano dell’Economia Circolare –  un chiaro esempio di economia circolare e rigenerativa che unisce le vecchie tecniche artigianali in via di estinzione al valore ambientale intrinseco alle pratiche di upcycling. Un riconoscimento che, ancora prima, arriva per il progetto Ri_fatti non parole, vincitore nel 2012 del bando della regione Puglia Principi Attivi, con cui Michela Rociola, presidente dell’associazione, ha richiamato artigiani, designers, makers e creativi del territorio che si riconoscono nei suoi stessi principi.

Inizia così la produzione di gadget personalizzabili, accessori, complementi d’arredo e allestimenti con materiali di scarto – legno, alluminio, tessuti, plexiglass, pannelli plastici, PVC in fogli, ceramiche, gomma, sughero, sacchi di iuta provenienti dalle torrefazioni e tutto ciò che si presta per essere recuperato – organizzati in 15 settori nel magazzino dietro il negozio. Come spiega Michela “ci lega la passione per l’artigianato, i lavori manuali e la voglia di votare la nostra esperienza professionale alla conservazione dell’ambiente. Il laboratorio è uno spazio sempre aperto a chi vuole condividere idee, competenze e strumenti o esporre le proprie creazioni”.

Un laboratorio di comunità 

Alla produzione si affianca la necessità di farsi conoscere e far comprendere un modello produttivo e di progettazione sostenibile, che si ispira all’economia circolare e mira alla riduzione dei rifiuti per il benessere collettivo. Con questa consapevolezza il gruppo di creativi ha avviato da subito un’azione di coinvolgimento dei concittadini, che è passata nelle scuole e nelle piazze.

“Inizialmente è stato difficile far capire che ScartOff non era un mercatino dell’usato ma un posto in cui le cose vengono trasformate e reinventate per dargli una vita nuova” racconta la presidente dell’associazione. Un vecchio vinile, disco rotto, che diventa un orologio per battere un tempo nuovo. Pneumatici dismessi si trasformano in pezzi di arredamento foderato con ritagli di stoffe variopinte. “Di volta in volta abbiamo spiegato come nasce un oggetto all’interno di queste mura, e il dubbio di fronte alla novità si è trasformato in curiosità – prosegue – C’è stata anche una campagna, attraverso una tessera di raccolta punti, ecopunti, per invitare le persone a portare in laboratorio ciò che non usano più”.

Oggi, dopo sette anni, la relazione è consolidata, “molti cittadini hanno accolto anche l’idea di fare formazione dentro l’ecobottega e tanti, prima di buttare qualcosa, ci fanno la stessa domanda: questo vi può servire?” afferma con orgoglio la giovane designer. L’associazione è un filo rosso che, con le sue iniziative, ha attraversato tutta la città raggiungendo circa 50.000 persone.

I numeri del recupero

Nel 2018 si aggiunge un tassello chiave per la mission di ScartOff, il coinvolgimento delle imprese, “grazie alla Camera di Commercio, abbiamo avuto l’opportunità di entrare nell’elenco sottoprodotti come utilizzatori, ovvero un ente che può recuperare gli scarti e gli sfridi delle imprese prima che vengano classificati come rifiuti. Ancora oggi siamo gli unici nella provincia di Barletta-Andria-Trani (BAT)” spiega l’ideatrice di ScartOff. Un percorso passato per la mappatura delle imprese manifatturiere e che, messo a sistema, ha portato alla collaborazione con circa 20 imprese e a un recupero costante dei materiali di scarto, fino ad arrivare a circa 6 tonnellate all’anno. Un peso importante non solo per l’ambiente ma anche per le aziende che così possono evitare i costi di smaltimento.

Leggi anche: Made in carcere: la seconda possibilità per persone e cose

L’educazione al riuso e il progetto Loop

Le attività di ScartOff vanno oltre la produzione. Ogni anno vengono realizzati laboratori di educazione ambientale che coinvolgono scuole e altre realtà della città o dedicati alla valorizzazione del talento creativo di soggetti con disabilità. Non mancano i percorsi di formazione per chi vuole imparare il riuso fai da te o per studenti che si incamminano sulla strada dell’eco-design.

Ridurre la produzione dei rifiuti coinvolgendo le nuove generazioni è uno degli obiettivi dell’associazione. E la partnership con le realtà pubbliche e private è stato il trampolino di lancio per partecipare al bando B Circular, fight climate change! – 2 NoPlanetB con il progetto Loop: un circuito virtuoso che porta i progetti di educazione per gli studenti ad avere una ricaduta pratica.

Loop è stato l’unico selezionato per la Puglia – racconta ancora Rociola – Lo abbiamo realizzato insieme a due partner: l’istituto di istruzione secondaria superiore ‘N. Garrone’ e l’azienda Fabbrica 42, entrambi di Barletta, e con il supporto di Fondazione Con il Sud, Fondazione punto.sud e European Commission – Development & Cooperation – EuropeAid. Abbiamo coinvolto 40 studenti e studentesse dell’indirizzo di grafica e design. Seguendo le linee guida per la realizzazione di oggetti con caratteristiche rispondenti al modello circolare – allungamento alla vita del prodotto, riciclabilità e monomatericità – la classe di design ha progettato gadget ecosostenibili con gli sfridi delle trenta aziende della provincia BAT che hanno aderito all’iniziativa. L’altra anima di Loop è la campagna di sensibilizzazione ideata dalla classe di grafica. I ragazzi e le ragazze hanno elaborato un contest per fotografi, artisti e designer, e una guida al riuso, ricca di consigli e giochi didattici. La campagna si è poi conclusa con un’azione di guerrilla marketing: sotto il palazzo del Comune è stata esposta una clessidra alta tre metri con dentro un mondo che si sgretola diventando rifiuto. Vederli parlare alla città attraverso l’arte e la creatività e spiegare ai passanti incuriositi quale fosse il messaggio di quella installazione è stato coinvolgente”.

Progetti per il futuro

ScartOff è giovane e guarda lontano. “Loop – specifica Rociola – è un progetto pilota che si concluderà con la redazione di un vademecum, grazie anche al supporto dell’albo dei gestori ambientali, utile per rendere l’esperienza replicabile. È stato possibile attuare il progetto perché la regione Puglia, circa due anni fa, ha firmato la Carta Italiana per l’Economia Circolare, anche se poi, di fatto, nulla di simile era ancora stato messo a sistema. Il prossimo passo sarà quello di presentare il vademecum agli enti regionali per estendere l’iniziativa su scala regionale”. L’associazione però, ci confida Michela, insegue anche un altro sogno: aprire un centro del riuso.

© Riproduzione riservata

Scopri la piattaforma ICESP

POTREBBE INTERESSARTI

Ultime notizie