domenica, Aprile 11, 2021
- Advertisement -

TAG

plastica

Il riciclo della plastica in Italia spiegato coi numeri

Quanti degli imballaggi che gettiamo vengono riciclati? Quanti sono gli impianti per farlo? I dati essenziali della filiera.

L’e-commerce moltiplica i rifiuti. Ma le alternative agli imballaggi usa e getta ci sono

La pandemia ha causato la crescita esponenziale della quantità di imballaggi in plastica finiti nei nostri fiumi, laghi e mari. Un trend negativo da cambiare (e in fretta). Per ripensare e ridisegnare il futuro, a partire dagli imballaggi, è fondamentale perciò che tutti si impegnino nell’adozione di un'economia circolare

“Nel 2020 meno imballaggi ma restiamo leader nel riciclo”. Intervista a Luca Ruini, presidente Conai

Tra il Piano nazionale di ripresa e resilienza che punta sugli impianti e la chiusura alla plastica da parte della Cina, sono tanti i temi affrontati dal presidente Conai Luca Ruini. “Abbiamo ha già superato di cinque punti percentuali quel 65% di riciclo complessivo che l’Unione Europea chiede entro il 2025”

Cartoni per bevande, le difficoltà nella catena del riciclo

Una ricerca di Zero Waste Europe ha rivelato che il tasso effettivo di riciclaggio in quattro Paesi europei è molto inferiore rispetto ai dati ufficiali. Uno dei problemi principali sta nella composizione dei cartoni per bevande: i tanti strati sono difficili da separare, anche perché esistono pochi impianti idonei a farlo

Fai la spesa con la shopper, tutti i benefici dell’alternativa al sacchetto di plastica

Il loro utilizzo, almeno in Italia, è proibito da 10 anni. Eppure le buste di plastica sono ancora vive tra noi, purtroppo. Non è mai troppo tardi per preferirgli le alternative sostenibili e riutilizzabili. E che siano biodegradabili al 100 per cento. La borsa in tela è anche un risparmio economico

Acquisti online post pandemia: cresce il quantitativo di packaging e crescono i rifiuti

Confezionare i beni che consumiamo per il trasporto via corriere comporta un utilizzo di materiali decisamente maggiore rispetto agli acquisti fatti direttamente in negozio e, senza regole e buon senso, aumentano i rifiuti. Al netto dell'impero di Amazon, dagli Stati Uniti arrivano tanti esempi virtuosi

Come smaltire i rifiuti, la guida per imparare a farlo da soli

Saper differenziare è fondamentale per permettere ai diversi materiali - umido, carta, plastica, alluminio, vetro - di rientrare in nuovi circuiti produttivi anziché finire in discarica. Secondo gli ultimi dati Ispra, nel nostro Paese il tasso di differenziata supera di poco il 60%. Ma bisogna fare ancora molto sulla qualità

Come iniziare a progettare con plastica riciclata

Ospitiamo l'intervento della nota azienda di design Pezy Group, che ci spiega come l'economia circolare è innanzitutto un modo di pensare differente. "Una delle sfide che dobbiamo fronteggiare è comprendere come sfruttare al meglio la versatilità delle proprietà meccaniche ed estetiche che i materiali offrono"

Evitare l’usa e getta si può, se sai come farlo

I primi prodotti in plastica monouso sono arrivati sul mercato all’inizio del 1900 con le lamette Gillette e da quel momento non ne abbiamo più fatto a meno, con costi ambientali altissimi per la loro produzione e smaltimento. Le alternative però ci sono, e sono tantissime. A volte basta un semplice accorgimento

Inquinamento da plastica, il rapporto che inchioda le “solite” multinazionali

Per il terzo anno consecutivo ai primi tre posti del rapporto di Break Free From Plastic, il movimento che mette insieme oltre 1900 organizzazioni non governative nel mondo, ci sono colossi come Coca Cola, Pepsi e Nestlè. In un anno i volontari hanno raccolto in 55 Paesi 346.494 pezzi

Latest news

- Advertisement -