fbpx
lunedì, Febbraio 26, 2024

Il turismo sostenibile viaggia sui social: quali profili seguire per saperne di più

In vacanza volete divertirvi senza far pagare le spese all’ambiente e alle comunità locali? Ecco una serie di influencer da seguire per avere ispirazione su come fare turismo sostenibile

Ludovica Nati
Ludovica Nati
Social media manager, copywriter, blogger e fotografa paesaggista. Collabora con diverse realtà i cui ambiti spaziano dalla sostenibilità ambientale alla medicina, dalla promozione territoriale e turistica alle aziende di servizi o di trasporti. Digital strategy, gestione social, redazione di testi SEO, copywriting, consulenza 2.0 e creazione di contenuti fotografici e grafici sono i suoi principali ambiti di competenza. Fa parte del network di Eco Connection Media

Il turismo sostenibile sta diventando sempre più popolare e ricercato tra viaggiatori, ormai consapevoli dell’impatto che il comparto tradizionale può avere sulle comunità locali e sull’ambiente. In molti sono alla ricerca di esperienze più autentiche e significative, lontane da quelle di massa, e un modo diverso di andare in vacanza e di assaporare il territorio può fornire l’opportunità di viverle, ad esempio connettendosi con le comunità locali e permettendoci di imparare di più sulla cultura e sulla storia della destinazione prescelta.

Questo trend sta prendendo piede anche online e nel mondo dei social network dove sono diversi i profili che raccontano come fare a viaggiare “earth friendly” ma anche dove andare e quali esperienze fare. Per questo abbiamo deciso di proseguire la rubrica dedicata agli influencer con un capitolo legato all’ambito dell’ecoturismo. Troverete profili che raccontano un modo di andare in giro e soggiornare diverso dal commerciale. Se ne avete altri da suggerire segnalateceli sui social!

Leggi anche: Festival d’estate e sostenibilità in Italia. Gli imperdibili di giugno e luglio 2023

Viaggiatori Ecologici

Valentina La Cara e Edoardo Manza sono i Viaggiatori Ecologici, due ragazzi che hanno scelto di lasciare lavoro e casa per viaggiare in giro per l’Italia con il loro minivan, armati di macchina fotografica, alla scoperta di luoghi meravigliosi con lo scopo di sensibilizzare il pubblico, ormai numerosissimo, che li segue sull’importanza di tutelare l’ambiente. Convinti sostenitori del fatto che una partecipazione attiva sia sempre più necessaria e che ognuno, nel suo piccolo, può fare la propria parte, sono “in giro” da ormai 5 anni insieme al loro cane, Bubble e ogni giorno raccontano la loro vita, sempre più sostenibile, in camper, dando consigli a chi volesse intraprendere questo percorso ma anche a chi, pur vivendo in casa, volesse fare la propria parte per contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici.

Leggi anche: Vacanze sostenibili? Ecco come riconoscere se una struttura ricettiva è davvero eco friendly

Viaggiare Libera

Valentina Miozzo da molti anni si occupa di turismo sostenibile, passione nata quando, fin da piccola nei suoi primi viaggi in solitaria, si è resa conto dei problemi che il turismo di massa stava creando nelle mete più gettonate per le vacanze. Come ha affermato lei stessa in un’intervista “le nostre azioni in viaggio, anche quelle apparentemente insignificanti, influenzano sempre il paese che visitiamo ed è importante informarsi, affinché le nostre vacanze siano un beneficio per tutti e non solo per noi stessi.” Valentina è esperta in turismo sostenibile e digital marketing, ma anche una guida ambientale escursionistica che accompagna le persone alla scoperta dei luoghi più remoti della natura sempre rispettando il luogo visitato. Sui suoi canali non mancano i racconti in cui spiega come poter ospitare nella propria azienda agricola o agriturismo anche i cosiddetti wwooofer (da WWOOF World Wide Opportunities Organic Farms), volontari che in cambio di ospitalità, danno supporto alle attività agricole.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valentina Miozzo (@viaggiarelibera)

Miliomillemiglia

Quello di Simon Emilio Di Betta è un profilo che vi segnalo che non è prettamente legato al racconto della sostenibilità ambientale ma che, attraverso i suoi incredibili tour, mi ha colpito molto e spinto a decidere di inserirlo in questo articolo. L’attenzione personale alla sostenibilità è evidente nei video di Milio, in quello che scrive e nel modo di viaggiare. Ad esempio, nel 2021 ha iniziato il suo personale “Giro d’Italia” in compagnia di uno zaino e della sua bicicletta, raccontando ogni giornata sui social, in particolare su TikTok. Proprio su questo social ha raggiunto un pubblico numerosissimo che pian piano, sempre più spesso, sapendo del suo arrivo, gli offriva compagnia, un riparo per la notte e/o lo portava a scoprire le meraviglie e i cibi tipici del luogo in cui si trovava. Un viaggio all’insegna della sostenibilità durato 4 mesi. Ma l’impresa non gli è bastata e, così, nel 2022 ha deciso di intraprendere un nuovo viaggio, stavolta a piedi, che lo ha portato dal Friuli Venezia Giulia – sua regione di origine – fino a raggiungere Finisterre, in Spagna, percorrendo la bellezza di 3100 km. Dove lo porteranno le prossime avventure? Non vi resta che seguirlo per scoprirlo.

@miliomillemigliaAnche questa sfida è terminata. È stato un piacere e un onore portarvi in viaggio con me♬ Celebrate the Good Times – Mason

Leggi anche: Comincia l’estate più fredda dei prossimi anni. Ma l’Europa è pronta ad affrontarla?

La valigia di Giò

 Giorgia Fanari è una travel blogger dal cuore estremamente green che racconta i propri viaggi alla scoperta di luoghi remoti ma anche di gite fuori porta, tutte all’insegna della sostenibilità. I social media e il suo blog sono lo strumento attraverso cui condivide le esperienze sostenibili e dà consigli a chi volesse seguire le sue orme. Come scegliere la propria meta? Cosa portare in valigia? Quali accorgimenti prendere una volta arrivati a destinazione affinché il nostro passaggio non vada a gravare su un territorio? Tutte domande a cui potete trovare risposta nei numerosi post e articoli di Giorgia.

Mi fa piacere segnalare anche che nel 2020, durante il periodo di chiusura a causa del Covid-19, ha collaborato, insieme ad altri 192 travel blogger italiani, alla realizzazione della guida “Destinazione Italia: 300 idee per un viaggio lungo lo stivale”, i cui diritti d’autore sono stati destinati a EMERGENCY, in cui ha raccontato del borgo toscano di Sorano.

Smart Walking

Quale miglior modo di viaggiare sostenibilmente se non facendolo a piedi? In tantissimi si stanno approcciando al mondo dei cammini e per questo vi porto come consiglio quello di seguire il profilo di Davide Fiz, che ha deciso di lavorare camminando (da qui il gioco di parole del suo nickname Smart Walking).

Numerosi i cammini che ha percorso negli anni in Italia e Europa e che continua a percorrere tutt’oggi. Le sue ultime imprese? Nel 2022 ha fatto 2500 km a piedi lungo le 20 regioni d’Italia. Attualmente sta invece portando avanti il progetto “Smart Walking coast to coast – Cammini che attraversano cammini che uniscono”, facendo percorsi legati quasi esclusivamente al mare. Uno dei suoi ultimi racconti è stato dall’Isola d’Elba dove, in occasione di SEIF (Sea Essence International Festival) 2023 , ha camminato lungo alcune tappe della Via dell’Essenza.

Un profilo che potrà ispirarvi sicuramente le vacanze a piedi ma chissà… forse anche un cambio di stile di vita!

© Riproduzione riservata

spot_img

POTREBBE INTERESSARTI

Ultime notizie