venerdì, Ottobre 30, 2020

CARTIERE FAVINI

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com

di Jonathan Zenti

CATEGORIA RADIO   

Una cartiera storica di eccellenza che prende la strada della sostenibilità, trasformando gli scarti organici in carta di alta qualità.


ABSTRACT

www.favini.com

Scopri Cartiere Favini sull’Atlante

 

Favini, nata nel 1736, è una cartiera storica impegnata nella ricerca di materie prime alternative alla cellulosa di albero e nell’uso creativo di materiali di scarto per la produzione di carta, ecopelle e altri materiali sintetici. A partire dagli anni ‘90 Favini, che opera nei settori della moda, del design, dell’abbigliamento tecnico-sportivo ma soprattutto della cartotecnica, ha scelto di fare dell’innovazione il suo carattere distintivo. Residui e sottoprodotti di scarso valore derivanti da altre filiere vengono rivalorizzati come materia prima nobile e impiegati per la produzione di nuova carta, invece di essere conferiti in discarica o destinati all’incenerimento.

Nel catalogo spiccano: Shiro Alga Carta, ricavata dalle alghe infestanti che mettono a rischio il fragile ecosistema della Laguna di Venezia; Crush, la gamma di carta ecologica realizzata con sottoprodotti di lavorazioni agro-industriali (residui di mandorle e nocciole, agrumi, caffè, mais, kiwi, lavanda, ciliegia, uva e olive); REMAKE, composta al 30% da cellulosa di riciclo post consumo certificata FSC e al 25% da fibra derivante dagli scarti di lavorazione del cuoio italiano.

Favini è diventata un riferimento a livello mondiale nell’ideazione e realizzazione carta di alto valore per la stampa e l’imballaggio dei prodotti realizzati da importanti gruppi internazionali del settore luxury e fashion.

 


LA STORIA PILOTA

 

CARTIERE FAVINI [di Jonathan Zenti]

 

Ascolta il radioreportage:

 


 

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Cassa Depositi e Prestiti: un anno da 2,7 miliardi per l’economia circolare

L’iniziativa ha l'obiettivo di finanziare progetti di economia circolare con un investimento di 10 miliardi di euro in 5 anni. Nel primo anno di attività il programma ha sostenuto diversi progetti innovativi ideati da startup e aziende europee

Recovery fund, l’appello di 100 imprese per la svolta green: “Si adottino misure credibili”

Cento imprese italiane hanno firmato un appello per richiedere misure credibili e più efficaci per la transizione ecologica

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti