sabato, Ottobre 31, 2020

CASALE DI TEREVOLACCIO

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Stefano Miliffi]
“Ci sono opere del passato, certe chiese, certi palazzi, che oggi sono utilizzate in modo diverso, sono sopravvissute pur cambiando la loro funzione: ancora oggi le usiamo, le utilizziamo, le frequentiamo.” Oscar Niemeyer.


Sinossi

“Ci sono opere del passato, certe chiese, certi palazzi, che oggi sono utilizzate in modo diverso, sono sopravvissute pur cambiando la loro funzione: ancora oggi le usiamo, le utilizziamo, le frequentiamo. Questo succede perché ciò che è rimasto non è l’utilità che avevano all’epoca, ma la bellezza; la bellezza e la poesia sono sopravvissute al tempo” Oscar Niemeyer.
L’antico casale di Terevolaccio era oramai in disuso da tempo. In un territorio, quello tra le provincie di Napoli e Caserta, dove il presente è attraversato da contraddizioni e contrasti fastidiosi: eccellenze agroalimentari e tradizioni culturali sono schiacciate da abusivismo edilizio diffuso, mancanza di infrastrutture e sistematica presenza del crimine organizzato.
Acquistato nel 1983 dal comune di Succivo, viene rivalorizzato da Legambiente ed altre associazioni locali dalla fine degli anni ‘90.
Queste iniziative di carettere socio-economico, ambientale e culturale confluiscono poi nel progetto TerraFelix, iniziato nel 2012. Così, dopo decenni di abbandono, il casale e le terre circostanti ritornano a nuova vita.
Il Giardino con i suoi orti sociali, la Tipicheria, l’Ecomuseo con i laboratori didattici sono i tre luoghi principali di questa rinascita.
Visite del casale, soprattutto da parte delle scolaresche locali, promozione delle specialità enogastronomiche, ed eventi culturali sono le attività centrali del luogo. Tutto questo in nome della sostenibilità economica ed ambientale. Il principio cardine di tutto il progetto, infatti, è il sistematico riutillizzo dei prodotti e dei loro scarti, proponendo così un modello sociale alternativo rispetto alle logiche di consumo.
Così, come un prodotto destinato al declino ma tenacemente riconvertito, il casale è diventato il simbolo e il luogo di aggregazione sociale e sensibilizzazione ambientale nel quale il territorio e le sue potenzialità vengono riscoperte oltre e nonostante le sfide e le problematiche del nostro tempo.

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”42″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”240″ thumbnail_height=”160″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Cassa Depositi e Prestiti: un anno da 2,7 miliardi per l’economia circolare

L’iniziativa ha l'obiettivo di finanziare progetti di economia circolare con un investimento di 10 miliardi di euro in 5 anni. Nel primo anno di attività il programma ha sostenuto diversi progetti innovativi ideati da startup e aziende europee

Recovery fund, l’appello di 100 imprese per la svolta green: “Si adottino misure credibili”

Cento imprese italiane hanno firmato un appello per richiedere misure credibili e più efficaci per la transizione ecologica

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti