fbpx
sabato, Novembre 28, 2020

OASI DI GALBUSERA BIANCA

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Simone Filpa]
Recupero di un borgo antico, agricoltura biodinamica e sostenibilità ambientale nel cuore del Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone


Sinossi

Oasi di Galbusera Bianca è un’azienda agricola biodinamica situata nel cuore del Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone, in provincia di Lecco.
Sul finire degli anni ’90, Gaetano Besana recupera un borgo abbandonato del 1300 e lo restaura con  tecniche di bioedilizia fornendolo dell’impianto di geotermia per un consumo energetico sostenibile ed autosufficiente.
Da qui parte il sogno di Gaetano, ex fotografo di moda, di riconnettere l’uomo con la natura attraverso la pratica dell’agricoltura biodinamica e della conservazione di semenze antiche di alberi da frutto e di piante officinali, come ad esempio il sambuco.
Il borgo è ora tornato ad essere un luogo vivo, abitato da nuove famiglie e simbolo di sostenibilità ambientale, tanto che nel 2005 diventa la prima Oasi privata affiliata al WWF in Italia.
Ad oggi nel borgo sono presenti anche un agriturismo e un’ osteria, dove si cucinano i prodotti derivati dal lavoro che viene svolto quotidianamente sui 20 ettari di terreno agricolo a disposizione, cercando di eliminare qualsiasi tipo di spreco e avviando un intero processo circolare che dalla produzione porta al consumo. Il resto dei prodotti alimentari viene acquistato da aziende locali e certificate bio in modo da promuovere un’ economia del territorio.
Attraverso questa storia, Gaetano Besana è riuscito a realizzare un sogno e far diventare Galbusera Bianca una vera e propria oasi di tranquillità, benessere sociale, sostenibilità ambientale e rinnovata vitalità.

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”41″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”240″ thumbnail_height=”160″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

L’Europarlamento approva la risoluzione sul diritto alla riparazione. “Ora va cambiato il sistema”

Con una serie di obblighi per le case produttrici di dispositivi elettrici ed elettronici. il parlamento europeo ha approvato una risoluzione che rafforza il Right to Repair. Un passo in avanti contro l'obsolescenza programma e la riduzione dei rifiuti Raee. Il prossimo passo spetta alla Commissione

La pagella della riparabilità, dalla Francia il contributo per ridurre i RAEE

A partire dall'1 gennaio entra in scena "l’indice de réparabilité": ad ogni nuovo prodotto elettrico ed elettronico sarà assegnato un punteggio su una scala da 0 a 10, e dovrà essere ben visibile al consumatore. Non tutti però sono favorevoli: l'associazione DigitalEurope ha inoltrato una nota alle istituzioni comunitarie

Comprare frutta e salumi senza l’incarto? Per la legge si può (ma la paura ci blocca)

Il decreto Clima “al fine di ridurre la produzione di rifiuti” prevede che dal 13 dicembre 2019 ai clienti dei supermercati “è consentito utilizzare contenitori propri”. Poi però il Coronavirus ha rimesso tutto in discussione. Come insegna il caso dei guanti per l’ortofrutta, tra quello che consente la legge e quello che viene percepito come possibile davanti al rischio contagio c’è una bella differenza

Al supermercato coi propri contenitori, parte il progetto della Spesa Sballata

Nel Varesotto fino ad aprile 2021 una trentina di famiglie potrà andare ai supermercati della Grande Distribuzione Organizzata con contenitori e retine riutilizzabili. Per il referente scientifico del progetto Enzo Favoino “le nuove direttive dell’UE pongono un bivio: o ci si lascia travolgere o si diventa apripista”

“Piccoli gesti grandi crimini”, la campagna contro i mozziconi di Marevivo

Presentati al Senato i risultati della campagna di sensibilizzazione promossa dall'associazione Marevivo, avviata lo scorso 23 luglio da Sorrento. Le attività messe in campo hanno registrato una riduzione del 69% dei mozziconi dispersi nell’ambiente e una diminuzione del 45 % di altri tipi di rifiuti