mercoledì, Ottobre 28, 2020

Circulytics, quanto è circolare la tua azienda?

Lo strumento, messo a disposizione dalla Fondazione Ellen MacArthur, consente alle imprese di avere una panoramica delle loro performances di economia circolare e delle opportunità di innovazione. Ne usufruiscono già multinazionali come Coca Cola ed Enel

Caterina Ambrosini
Caterina Ambrosini
Laureata in Gestione dell’ambiente e delle risorse naturali presso la Vrije Universiteit di Amsterdam con specializzazione in Biodiversità e valutazione dei servizi forniti dall'ecosistema. Da inizio 2020, collabora con l’Atlante Italiano dell’Economia Circolare nel lavoro di mappatura delle realtà nazionali e nella creazione di contenuti.

In collaborazione con 13 partner strategici, la Fondazione Ellen MacArthur ha sviluppato uno strumento per permettere alle imprese interessate di avere una panoramica ben definita delle loro performances di economia circolare e delle opportunità di innovazione, nonché di misurare i progressi di tutti i comparti operativi dell’azienda stessa. Circulytics misura la circolarità dell’azienda tramite l’utilizzo della più grande raccolta di indicatori disponibili ad oggi. Si tratta di uno strumento che permette di andare oltre la semplice valutazione del flusso dei materiali poiché ha come obiettivo quello di misurare il livello di circolarità raggiunto in tutti i comparti, supportando le decisioni e le strategie di sviluppo per lasciarsi alle spalle il modello ‘produci, usa, getta’. Inoltre Circulytics consente di mettere nero su bianco i punti di forza dell’azienda così come le aree in cui è possibile apportare miglioramenti, fornendo quindi trasparenza maggiore nei confronti di investitori e consumatori sull’adozione di strategie di economia circolare da parte dell’azienda stessa. In questo modo si dà la possibilità a qualsiasi impresa di far chiarezza sulle proprie performance in ambito di economia circolare, aprendo anche nuove finestre per opportunità di miglioramento futuro. Ad oggi oltre 500 aziende nel mondo si sono iscritte per testare la loro circolarità con Circulytics, tra cui multinazionali come Unilever e Coca-Cola, insieme all’italiana Enel.

Presente e futuro della circolarità

Circulitycs fornisce una panoramica ben definita e informazioni utili per stabilire la circolarità delle imprese che decidono di prendere parte alla valutazione. I punteggi che vengono dati a ogni impresa riguardano aree come la strategia, l’innovazione e il flusso dei materiali. Si analizza quindi il presente e il futuro: si vuole dare credito alle aziende che hanno già raggiunto dei risultati importanti ma allo stesso tempo si vuole analizzare quali siano le opportunità per massimizzare la circolarità nel futuro. Fine ultimo della Fondazione Ellen MacArthur è quello di far adottare Circulytics a un numero così grande di imprese da poter generare degli standard di riferimento per l’economia circolare per ogni settore.
Per ottenere ciò si fa riferimento a tutti quei fattori che abilitano al cambiamento, ovvero gli enablers. Questa categoria si affida a indicatori che permettono una trasformazione di tutti i comparti aziendali su temi come la prioritizzazione strategica dell’economia circolare e i programmi interni di apprendimento. Per una valutazione della situazione presente ci si affida invece ai risultati, i cosiddetti outcomes, che misurano la circolarità in termini di flusso di materiali, per le aziende dove ciò è applicabile, o i risultati della progettazione di beni e servizi e dell’uso dell’energia per le aziende che forniscono servizi.
Gli enablers e gli outcomes sono a loro volta suddivisi in sottocategorie alle quali corrisponde un indicatore, qualitativo o quantitativo, che permette di calcolare il punteggio totale finale della circolarità dell’azienda attraverso una valutazione a diagramma.

Vantaggi di Circulytics

Ma quali sono i benefici riscontrati dalle aziende che hanno fatto uso di questo strumento di valutazione? Dall’Italia è Giuseppe Della Greca, responsabile di economia circolare presso Enel, a parlare di Circulytics. “E’ stato uno strumento davvero utile per capire in quale area dobbiamo migliorare o raccogliere dati in quantità maggiore e di migliore qualità – dichiara Della Greca – Per il futuro, misurare la circolarità tramite lo strumento della Fondazione Ellen MacArthur sarà utile ad Enel per identificare un piano d’azione per migliorare le prestazioni in ambito circolare e tener traccia dei progressi in questo cammino di allontanamento dal modello lineare. Il rapporto e la collaborazione con la Fondazione e la sua rete sono riconosciuti come l’arma vincente per misurare i progressi in campo circolare, questo perché Circulytics permette di applicare un approccio comune”.

Oltre a poter fornire un paragone tra i diversi attori nei vari settori dell’economia, Circulytics permette di scavare più a fondo e far chiarezza sulle opportunità future di miglioramento in campo circolare. Questa caratteristica è un vantaggio non solo per le aziende, che potranno focalizzarsi su determinati aspetti aziendali che richiedono maggiori sforzi per raggiungere gli obiettivi, ma anche per i consumatori, i quali avranno modo di indirizzare le proprie scelte in maniera più consapevole avendo maggior trasparenza sulle strategie e misure attuate dall’impresa in termini di economia circolare.

 

© Riproduzione riservata

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Recovery fund, l’appello di 100 imprese per la svolta green: “Si adottino misure credibili”

Cento imprese italiane hanno firmato un appello per richiedere misure credibili e più efficaci per la transizione ecologica

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti

Un’etichetta di riciclabilità (come quella energetica) può favorire la circolarità delle plastiche

Con il responsabile della piattaforma RecyClass, Paolo Glerean, analizziamo il meccanismo messo in piedi per favorire la produzione e l’utilizzo di imballaggi plastici di qualità elevata e dunque più adatti al riciclo