mercoledì, Ottobre 28, 2020

FRESH-GURU

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Linda Colaiacomo e Mattia Panunzio]
Fresh Guru è un’azienda specializzata nella coltivazione idroponica di pomodori, risultato della volontà di trovare un modo per non disperdere il calore generato dalle centrali elettriche a biogas


Sinossi

Fresh Guru è un’azienda specializzata nella coltivazione idroponica di pomodori, nata nel 2016 ad Ostellato (FE). L’azienda fa capo al gruppo FRI-EL Green Power (leader nella produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili) ed è il risultato della volontà di trovare un modo intelligente ed ecosostenibile per non disperdere il calore generato dalle centrali elettriche a biogas preesistenti.
Le due serre si estendono per circa 11 ettari garantendo una produzione di 8000 tonnellate di pomodori all’anno.
Il calore generato dalla centrale a biogas viene immesso nelle serre tramite acqua calda che viene fatta scorrere lungo i binari dove corrono i carrelli per la raccolta dei pomodori.
La centrale, inoltre, è alimentata esclusivamente con sottoprodotti di origine agricola, che al termine del loro ciclo di impiego vengono ulteriormente trasformati in concimi.
Anche le piante di pomodori, terminato il ciclo produttivo, diventano carburante per la centrale biogas. Il nutrimento dei pomodori, totalmente naturale, viene garantito da impianti tecnologici che gestiscono anche l’irrigazione, consentendo di filtrare e riciclare l’acqua non trattenuta dalle piante, impiegandone il 70% in meno rispetto alle colture tradizionali grazie anche alla raccolta di acqua piovana conservata in bacini di riserva.
L’azienda ha generato nuovi posti di lavoro sul territorio, ad oggi conta 85 dipendenti oltre alla collaborazione con la cooperativa Delta che gestisce il lavoro di circa 30 lavoratori tutti provenienti dal Pakistan.

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”24″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”240″ thumbnail_height=”160″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Cassa Depositi e Prestiti: un anno da 2,7 miliardi per l’economia circolare

L’iniziativa ha l'obiettivo di finanziare progetti di economia circolare con un investimento di 10 miliardi di euro in 5 anni. Nel primo anno di attività il programma ha sostenuto diversi progetti innovativi ideati da startup e aziende europee

Recovery fund, l’appello di 100 imprese per la svolta green: “Si adottino misure credibili”

Cento imprese italiane hanno firmato un appello per richiedere misure credibili e più efficaci per la transizione ecologica

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti