domenica, Ottobre 25, 2020

JUNKER, L’APP CHE FA LA DIFFERENZIATA

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Silvia Zamboni]
Junker  è  l’app  gratuita  per  differenziare  correttamente  i  rifiuti:  basta  inquadrare  con lo  smartphone  il  codice  a  barre  del  prodotto  e  sul  display  apparirà  l’indicazione  su come  smaltire  l’imballaggio   


Sinossi

Per aiutare i cittadini a fugare i dubbi in materia di raccolta differenziata dei rifiuti la società Giunko ha creato lapp gratuita Junker. La particolarità che la rende unica è che riconosce i prodotti dal codice a barre. Una volta scaricato Junker e registrato il comune di residenza, basta avvicinare lo smartphone al codice a barre del prodotto e sul display apparirà la composizione dellimballaggio con la spiegazione su come smaltirlo in base alle regole vigenti in quel territorio. Nel servizio radiofonico si fa lesempio di una confezione di filtri per infusi: l’indicazione di Junker è che la scatola e le bustine che contengono i filtri vanno smaltite con la raccolta separata della carta, i filtri con lorganico e il cellophane esterno con la plastica. Il database di Junker conta circa un milione e mezzo di prodotti che sono stati mappati anche grazie alle segnalazioni da parte degli utenti di articoli mancanti. Lapp consente inoltre di segnalare situazioni di degrado e abbandono di rifiuti. Per usarla quando si è in ferie basta geolocalizzarsi e si riceveranno le informazioni sulle modalità di raccolta differenziata di quel comune. Per supportare i turisti esteri lapp è disponibile in inglese, tedesco e francese. Per renderla accessibile alle comunità straniere residenti in Italia ci sono versioni in cinese, rumeno, russo, ucraino e bulgaro. Ad oggi gli utenti dellapp sono oltre 500mila. Ogni giorno se ne aggiungono oltre 600 grazie soprattutto al passaparola.

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Un’etichetta di riciclabilità (come quella energetica) può favorire la circolarità delle plastiche

Con il responsabile della piattaforma RecyClass, Paolo Glerean, analizziamo il meccanismo messo in piedi per favorire la produzione e l’utilizzo di imballaggi plastici di qualità elevata e dunque più adatti al riciclo

Cosa resterà dopo il Covid? La risposta è resiliente e circolare

All'edizione 2020 del World Circular Economy Forum, organizzata dal fondo finlandese Sitra, si è affrontato il tema del mondo dopo la pandemia. “Le partnership sono necessarie, non puoi fare le cose da solo"

Sant’Anna di Pisa e Area Science Park di Trieste insieme per la transizione ecologica

Due eccellenze del mondo della ricerca e dell’innovazione si uniscono per elaborare progetti congiunti e attività di supporto alle imprese, per diffondere i principi chiave dell’economia circolare

Biovitae, la lampada led contro il coronavirus

Secondo il promotore Silvano Falocco, la scoperta italiana "potrebbe modificare i protocolli di sicurezza nelle scuole". Dopo lo studio preliminare del Policlinico Militare Celio di Roma, ora si attende la pubblicazione su una rivista scientifica

Plastic Pact, anche gli Usa contro l’abuso della plastica

Il consorzio mette insieme oltre 60 realtà tra aziende, agenzie governative e ong. Con l'obiettivo di recuperare il gap con l'Europa attraverso la collaborazione di colossi come Coca Cola e L'Oreal