martedì, Ottobre 20, 2020

LA FOGNA COME IL MAIALE: NON SI BUTTA NIENTE

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Stefano Camellini]
Un processo industriale ma naturale per riportare le acque reflue a un nuovo stato di materia prima, pulita e utilizzabile, anzi da vivere

Sinossi

Il Parco Acque Depurate (PAD) di Reggio Emilia è una realtà unica nel suo genere.
Nato da una idea piuttosto folle per un’azienda di questo tipo (il PAD è parte integrante degli impianti di IREN, una multiutility che gestisce acqua, gas, teleriscaldamento in mezzo nord Italia) nel 2012.
Copre un area di 300.000 metri quadrati depurando ogni anno 19.000.000 di m3 di acque reflue, basandosi principalmente sulla depurazione biologica tramite microrganismi.
Dai fanghi (destinati poi alla fertilizzazione) si ottiene biogas che alimenta il processo nella fase di digestione degli stessi.
Una volta depurata l’acqua viene reimmessa nei canali per continuare il ciclo dell’acqua e, una parte, destinata all’irrigazione di coltivazioni convenzionate della bassa reggiana.
Colpiscono quattro fattori:
  • la naturalità del processo (si svolge principalmente con decantazioni differenziate e reazioni
    biologiche affidate a batteri).
  • la quasi assenza di prodotti chimici (sono i batteri i veri protagonisti).
  • il riuso della materia prima riqualificata in fertilizzanti, acqua pulita e gas; riducendo al minimo (scarto fisico di primo e secondo vaglio) ciò che viene indirizzato al termovalorizzatore.
  • dulces in fundo: la presenza nel canale di uscita dei gamberi di fiume, noti per la loro necessità di acque pulite per sopravvivere e rari nel nostro territorio naturale, non come in passato, a causa dell’inquinamento.
Il PAD è aperto a cittadinanza e scuole con visite guidate nel percorso predisposto.

[ngg src=”galleries” ids=”66″ display=”basic_thumbnail” show_slideshow_link=”0″]

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Plastic Pact, anche gli Usa contro l’abuso della plastica

Il consorzio mette insieme oltre 60 realtà tra aziende, agenzie governative e ong. Con l'obiettivo di recuperare il gap con l'Europa attraverso la collaborazione di colossi come Coca Cola e L'Oreal

Mangiare a scuola durante la pandemia: l’esempio di Milano Ristorazione

Con l’emergenza coronavirus il percorso virtuoso verso la sostenibilità intrapreso da tante mense scolastiche è diventato più complicato, ma ci sono aziende che si organizzano per continuare a garantire sicurezza e rispetto dell’ambiente

Le mense scolastiche ai tempi del Covid. Cosa cambia nell’uso delle stoviglie

Pasti monoporzione obbligatori? Un nostalgico ritorno alla plastica e il trionfo dell’usa e getta? La scuola prende le misure con la refezione ai tempi del Covid: vi raccontiamo cosa cambia

“Siete una boccata di ossigeno”, il saluto dell’Ordine dei giornalisti

Accogliamo con piacere il contributo di Paola Spadari, presidente dell'Odg Lazio. "I cittadini oggi hanno maggiormente compreso il valore dell'informazione quale bene comune, al servizio di tutti noi"

EconomiaCircolare.com, l’evento di lancio a Milano in 10 tweet

Una serata densa di contenuti e di emozioni quella che ha dato il via ufficiale, ieri a Milano, al nostro giornale. L’evento di lancio...