fbpx
venerdì, Aprile 19, 2024
RUBRICA

SPECIALE | Batterie
S

E allora le batterie? Da qualche tempo la domanda retorica aleggia nelle risposte di chi critica la direzione intrapresa soprattutto dall’Unione europea, che intende sempre più elettrificare i consumi per raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica al 2050. Siccome le fonti fossili, ormai è assodato, hanno un impatto ambientale notevolissimo, una transizione basata sulle energie rinnovabili si fa sempre più urgente.

E però resta il problema: e allora le batterie? Vale a dire che la filiera e il ciclo di vita delle batterie, che consentono l’accumulo di energia, sono ugualmente critiche, ugualmente estrattive rispetto a un giacimento di petrolio o di gas. Quanto c’è di vero in questa affermazione? E cosa si sta muovendo nell’ambito dell’economia circolare, affinché la sostenibilità dell’intero settore sia sempre più marcata?

È quel che proviamo ad appurare in questo nuovo Speciale, su cui abbiamo concentrato e concentremo spunti di riflessione a partire dall’attualità, buone pratiche, colli di bottiglia da risolvere e prospettive future. A partire dal fatto, ad esempio, che  il mondo dei trasporti del futuro non potrà che essere elettrico, tenuto conto anche dello stop del Parlamento europeo alla vendita di motori termici alimentati a benzina e diesel dal 2035.

Sarà una vera rivoluzione, se pensiamo a quanto è stato dominante il motore a scoppio nello sviluppo umano. Per farci trovare pronti, quella dell’economia circolare è la strada forse più complicata da percorrere ma è l’unica che ci farà arrivare alla meta.

Come al solito, rinnoviamo l’invito a inoltrarci quesiti, suggerimenti e osservazioni. E intanto, come sempre, buona lettura.

© Riproduzione riservata

Oltre il litio: la tecnologia delle batterie cerca nuove soluzioni

La transizione energetica punterà quasi completamente sulle batterie agli ioni di litio, le più efficaci per grandi quantità di energia. Ma il litio è un materiale raro e con un livello di riciclo ancora in fase embrionale. Per questo si cercano strade alternative. Ecco quelle più promettenti e gli ostacoli da affrontare

In marcia verso l’elettrico, tra superconduttori e batterie. Intervista a Elza Bontempi

Abbiamo urgente necessità di impiegare l’energia in modo efficiente e sostenibile, allungare la vita dei prodotti e impegnarci nel recupero di materie prime seconde. C’è chi lo sta già facendo (anche in Italia), con idee e progetti altamente innovativi

Batterie, la corsa dell’Ue per l’autosufficienza: ora servono le gigafactory

Riciclo dei materiali e seconda vita delle batterie sono la via maestra. Se però l’Europa vuole stare al passo con la transizione energetica, deve aumentare drasticamente la produzione. Una panoramica dei progetti di gigafactory, gli impianti dove verranno costruite: c’è ottimismo, ma restano incognite e mancano informazioni certe. E già si assiste ai primi intoppi. Come in Italia con Italvolt

Batterie, perché conviene pensare alla seconda vita (anche oltre il riciclo)

Dare una seconda vita alle batterie quando non vanno più bene per le automobili è un’opportunità che permette di sprecare meno risorse e inquinare meno. I possibili impieghi sono tanti: dalla stabilizzazione della rete elettrica all’accumulo di energia, in chiave ecosostenibile. E più va avanti la transizione ecologica, più diventerà fondamentale farlo