lunedì, Ottobre 26, 2020

Coloriage, la sartoria sociale tra Roma e Africa

La sartoria, in cui si alternano alle macchine da cucire e nella filiera produttiva ragazzi migranti e italiani, nasce all'interno del quartiere Testaccio. Col progetto "Su la maschera" si punta a regalere mascherine efficaci e allo stesso tempo riutilizzabili

Luigi Politano
Luigi Politano
Giornalista e autore, si è occupato di lavoro, mezzogiorno e criminalità organizzata. Ha lavorato per Exit e Gli Intoccabili (La7), collaborato con Report (Rai 3) e Current Tv. Cronista parlamentare e inviato per RedTv e Nessuno Tv (890 Sky), ha scritto per Repubblica, Corriere, La Stampa, Il Manifesto. Vincitore del premio Giancarlo Siani (2010), e del premio Giornalisti del Mediterraneo (2016), è fondatore della Round Robin Editrice, di cui è direttore editoriale.

Si chiamano coloriage e colorano il mondo con una sartoria contaminata da diverse culture e diverse esperienze. Nata dall’idea e dall’incontro di Valeria Kone e Sandrine Flament, due imprenditrici già da tempo interessate alla diffusione e la salvaguardia delle tradizioni sartoriali africane, Coloriage diventa una vera e propria sartoria e un laboratorio.

Il viaggio inizia nel 2019 nel cuore di Roma all’interno dello storico quartiere Testaccio. L’ex mattatoio che da anni ospita la facoltà di architettura dell’Università di Roma 3, è diventato e ha la vocazione di essere luogo di una grande ed eterogenea factory per artisti che trovano spazi in cui poter lavorare. La sartoria è all’interno del Villaggio Globale, storico centro sociale autogestito sempre all’interno dell’ex mattatoio.

Leggi la storia di Coloriage sull’Atlante di Economia Circolare

La produzione è un fantastico melting pot, del tutto in linea con il marchio. Ragazzi migranti e italiani si alternano alle macchine da cucire e nella filiera produttiva, creando abiti frutto di contaminazioni culturali. Una scuola di formazione interna, appositamente messa in piedi dalle due imprenditrici, permette a chi vuole lavorare nel mondo della moda partendo dal concetto stesso che ha portato alla creazione di Coloriage: imparare e produrre in modo consapevole, sostenibile e circolare. E da mani di diverso colore nasce un mix tra la moda africana e quella europea, utilizzando esclusivamente tessuti provenienti da diverse zone dell’Africa. L’istruzione dei (più o meno giovani) sarti in erba, è affidata a professionisti che mettono a disposizione competenze e know how, come khassim che collabora attivamente con Valeria e Sandrine.

Persino la pandemia globale non è stata in grado di fermare speranze e visione di Coloriage. Durante il lockdown, la piccola sartoria ha rischiato di essere travolta da un fermo che ha prodotto una piccola catastrofe economica per il mondo Industrializzato. Difficoltà economiche e di gestione, come altre piccole imprese e attività del Paese. Ma il genio, si sa, è “fantasia, intuizione, decisione e velocità d’esecuzione”, parafrasando il “Melandri” – uno dei protagonisti di Amici miei, il film capolavoro di Monicelli. E l’intuizione per coloriage si chiama Su la maschera, che nasce con lo scopo di aiutare tutte le persone bisognose di mascherine efficaci e allo stesso tempo riutilizzabili. Un’idea che si porta dietro anche la consapevolezza di quanti rifiuti avrebbero creato e di fatto hanno creato, milioni e milioni di mascherine usa e getta spesso abbandonate per strada.

Mascherine lavabili e double face: una parte in cotone wax, con colori e disegni che diventano moda di tendenza, e una parte interna fatta di spun bond, un tessuto idoneo a garantirne efficacia e sicurezza. Il risultato è un prodotto bello, utile, sicuro ed è per tutte le età. Un progetto – quello di Su La Maschera – che ha immediatamente attirato l’attenzione di una nota azienda che si occupa della gestione e riqualificazione (anche commerciale) delle maggiori stazioni italiane, tanto da proporre a Valeria e Sandrine l’apertura di un temporary store all’interno della della stazione Termini di Roma. Il punto vendita è stato inaugurato lo scorso 6 ottobre.

La produzione continua, e i modelli di mascherina sono ordinabili online sul sito della sartoria che, ci tiene a sottolinearlo: possono spedire in tutto il mondo. Costo? In linea con il progetto: l’offerta è libera, ma per chi si trova in serie difficoltà economiche la mascherina è totalmente gratuita.

© Riproduzione riservata

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Un’etichetta di riciclabilità (come quella energetica) può favorire la circolarità delle plastiche

Con il responsabile della piattaforma RecyClass, Paolo Glerean, analizziamo il meccanismo messo in piedi per favorire la produzione e l’utilizzo di imballaggi plastici di qualità elevata e dunque più adatti al riciclo

Cosa resterà dopo il Covid? La risposta è resiliente e circolare

All'edizione 2020 del World Circular Economy Forum, organizzata dal fondo finlandese Sitra, si è affrontato il tema del mondo dopo la pandemia. “Le partnership sono necessarie, non puoi fare le cose da solo"

Sant’Anna di Pisa e Area Science Park di Trieste insieme per la transizione ecologica

Due eccellenze del mondo della ricerca e dell’innovazione si uniscono per elaborare progetti congiunti e attività di supporto alle imprese, per diffondere i principi chiave dell’economia circolare

Biovitae, la lampada led contro il coronavirus

Secondo il promotore Silvano Falocco, la scoperta italiana "potrebbe modificare i protocolli di sicurezza nelle scuole". Dopo lo studio preliminare del Policlinico Militare Celio di Roma, ora si attende la pubblicazione su una rivista scientifica

Plastic Pact, anche gli Usa contro l’abuso della plastica

Il consorzio mette insieme oltre 60 realtà tra aziende, agenzie governative e ong. Con l'obiettivo di recuperare il gap con l'Europa attraverso la collaborazione di colossi come Coca Cola e L'Oreal