lunedì, Ottobre 26, 2020

Usa la creatività, trasforma e ripara: ridare vita agli oggetti con l’upcycling

Ogni anno in Italia circa 600mila tonnellate di beni potenzialmente riutilizzabili finiscono nella spazzatura, ma qualche conoscenza in più sull'upcycling e un po' di creatività possono salvare tanti oggetti dal cassonetto

Caterina Ambrosini
Caterina Ambrosini
Laureata in Gestione dell’ambiente e delle risorse naturali presso la Vrije Universiteit di Amsterdam con specializzazione in Biodiversità e valutazione dei servizi forniti dall'ecosistema. Da inizio 2020, collabora con l’Atlante Italiano dell’Economia Circolare nel lavoro di mappatura delle realtà nazionali e nella creazione di contenuti.

Tutti abbiamo in casa barattoli vuoti, oggetti parzialmente rotti o che non usiamo più, parcheggiati in qualche stanza fino alla decisione finale: il cassonetto. Ma cosa comporta questa scelta? In Italia si stima vengano gettati 600mila tonnellate di beni potenzialmente riutilizzabili ogni anno. Il Rapporto Nazionale sul Riutilizzo 2018 di Occhio del Riciclone e Utilitalia, riporta che solo nei centri di raccolta della città di Roma ci siano circa 6mila tonnellate di beni durevoli riutilizzabili, ossia 2 kg per abitante. I destini e le fattezze degli oggetti possono essere cambiati applicando il concetto di upcycling: il riuso creativo per dare nuovo valore a ciò che è vecchio o inutilizzato. Dal barattolo di marmellata che diventa contenitore per pennelli, passando alla ruota di bici trasformata in orologio, fino a un pneumatico utilizzato per creare una cinta. Con la creatività non ci sono limiti alle trasformazioni degli oggetti. E si può sperimentare comodamente a casa, con vantaggi in termini di riduzione dei rifiuti. Questa tendenza sta prendendo piede anche in molti settori, tra cui quello della moda con piccoli produttori che si dedicano esclusivamente al riuso di tessuti gettati via, ma anche tra i grandi marchi che sviluppano linee realizzate con materiali di scarto.

Leggi anche: Addio agli imballaggi: ecco la guida dove comprare sfuso

I laboratori di upcycling in Italia 

Per trovare idee e istruzioni su come ridare vita ai nostri oggetti possiamo contare sulla moltitudine di tutorial sul web e anche in tante associazioni che organizzano laboratori di upcycling. Come nel caso di Ciclofficina Centrale a Roma, che permette nei suoi spazi di riparare la propria bicicletta o costruirne una nuova con componenti e telai recuperati da raccolte di rifiuti ingombranti o frutto di donazioni, o Izmade a Torino con il suo laboratorio aperto ai cittadini dove si condivide lo spazio di lavoro, le macchine e le conoscenze per creare nuovi prodotti di arredo da rifiuti in plastica. C’è anche Isola del Tesoro, una realtà bergamasca che con i suoi laboratori diffonde la cultura del riutilizzo. Insomma, con un po’ di creatività eviteremo che oggetti non utilizzati e materiali di scarto abbiano il cassonetto come unica destinazione finale.

© Riproduzione riservata

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Un’etichetta di riciclabilità (come quella energetica) può favorire la circolarità delle plastiche

Con il responsabile della piattaforma RecyClass, Paolo Glerean, analizziamo il meccanismo messo in piedi per favorire la produzione e l’utilizzo di imballaggi plastici di qualità elevata e dunque più adatti al riciclo

Cosa resterà dopo il Covid? La risposta è resiliente e circolare

All'edizione 2020 del World Circular Economy Forum, organizzata dal fondo finlandese Sitra, si è affrontato il tema del mondo dopo la pandemia. “Le partnership sono necessarie, non puoi fare le cose da solo"

Sant’Anna di Pisa e Area Science Park di Trieste insieme per la transizione ecologica

Due eccellenze del mondo della ricerca e dell’innovazione si uniscono per elaborare progetti congiunti e attività di supporto alle imprese, per diffondere i principi chiave dell’economia circolare

Biovitae, la lampada led contro il coronavirus

Secondo il promotore Silvano Falocco, la scoperta italiana "potrebbe modificare i protocolli di sicurezza nelle scuole". Dopo lo studio preliminare del Policlinico Militare Celio di Roma, ora si attende la pubblicazione su una rivista scientifica

Plastic Pact, anche gli Usa contro l’abuso della plastica

Il consorzio mette insieme oltre 60 realtà tra aziende, agenzie governative e ong. Con l'obiettivo di recuperare il gap con l'Europa attraverso la collaborazione di colossi come Coca Cola e L'Oreal