sabato, Ottobre 31, 2020

FERMENTI SOCIALI, BIRRIFICIO CONTADINO DELLA VALSAMOGGIA

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Sara Casna]
Un microbirrificio biologico sull’appennino bolognese, i Fermenti Sociali sono amici da tempo e producono birra dal loro malto. Come bere creando economia.


Sinossi

Le tegole si vedono solo ai margini. Tutto il tetto è coperto da pannelli solari.
Il birrificio contadino Fermenti sociali produce le sue birre qui sotto, nell’azienda agricola Cà Battistini. La strada è sterrata, e il birrificio non si autodefinisce contadino per moda, ma per modo di agire. Loro sono in sei, e si occupano di tutto, dalla semina dell’orzo alla burocrazia. Le loro birre sono altrettante, e prendono carattere dal malto che qui si produce, in Valsamoggia, piccola valle appenninica tra Modena e Bologna. Per loro fare birra ha senso nella ricerca di autodeterminazione alimentare. La possibilità di creare un’economia locale di un prodotto “esotico” come la birra li esalta e il risultato si vede. 20.000 litri prodotti in anno, quasi tutti consumati nei mercati bolognesi a vendita diretta di Campiaperti (campiaperti.org) che fanno parte del network nazionale Genuino Clandestino. Hanno iniziato a fare la birra in casa in un pentolone da 30 litri, e coi soldi guadagnati all’inizio, si sono messi a norma e ora hanno un lavoro part-time, si pagano 8 euro all’ora nelle annate buone. Storia di una bevanda alcolica tanto amata quanto data per scontata, e di alcune donne e uomini che l’hanno presa sul serio, per godersela a pieno. Ci siamo fatte una passeggiata tra i filari di luppolo, la vasca di fitodepurazione, i campi di orzo, e tra i tubi gialli e azzurri della sala cotta, i silos, le macchine e le vasche di maltazione, i fusti, le bottiglie e le etichette.

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”39″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”240″ thumbnail_height=”160″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Cassa Depositi e Prestiti: un anno da 2,7 miliardi per l’economia circolare

L’iniziativa ha l'obiettivo di finanziare progetti di economia circolare con un investimento di 10 miliardi di euro in 5 anni. Nel primo anno di attività il programma ha sostenuto diversi progetti innovativi ideati da startup e aziende europee

Recovery fund, l’appello di 100 imprese per la svolta green: “Si adottino misure credibili”

Cento imprese italiane hanno firmato un appello per richiedere misure credibili e più efficaci per la transizione ecologica

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti