giovedì, Ottobre 29, 2020

LA CARTA È…

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Massimiliano Fratter e Marco Arioli]
La carta è Vita! Ed è uguale ai gatti! 7 vite hanno in comune!

Sinossi

La carta vive 7 volte. E “circola” nelle nostre vite. E non può “esistere esistenza” senza carta. Valorizzare il concetto di riciclaggio della carta è un percorso culturale che ha l’obiettivo di ricordare come la carta abbia cambiato le esistenze delle persone. Il parallelismo con i gatti vuole rafforza re la dimensione vitale della carta.
C’è, silenziosa, in ogni nostra giornata. E ci guida. Quasi 24 ore al giorno!

[pdf-embedder url=”https://www.economiacircolare.com/wp-content/uploads/2019/08/La-carta-è…..pdf” title=”La carta è….”]

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Cassa Depositi e Prestiti: un anno da 2,7 miliardi per l’economia circolare

L’iniziativa ha l'obiettivo di finanziare progetti di economia circolare con un investimento di 10 miliardi di euro in 5 anni. Nel primo anno di attività il programma ha sostenuto diversi progetti innovativi ideati da startup e aziende europee

Recovery fund, l’appello di 100 imprese per la svolta green: “Si adottino misure credibili”

Cento imprese italiane hanno firmato un appello per richiedere misure credibili e più efficaci per la transizione ecologica

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti