fbpx
lunedì, Maggio 27, 2024

Come sta l’ambiente in Italia? Bene ma non benissimo. I dati del report SNPA

Lo stato di salute dell’ambiente in Italia è riscontrabile nell’edizione 2023 del Rapporto SNPA. Attraverso 21 indicatori che vanno dalla circolarità dei modelli di produzione, distribuzione e consumo, all’efficienza energetica, dal livello di emissioni allo stato del capitale naturale. Ecco i risultati

EconomiaCircolare.com
EconomiaCircolare.com
Redazione EconomiaCircolare.com

Un amico di questo giornale, Vittorio Cogliati Dezza, ha definito l’ambiente “l’insieme delle condizioni in cui si svolge la vita degli organismi”. Ed è una definizione che è piaciuta pure al dizionario Treccani, che la mette in calce a una spiegazione più ampia. Se è vero che probabilmente non troveremo mai una definizione univoca di ambiente che possa soddisfare tutte e tutti, l’espressione di Dezza ci torna utile per chiederci: qual è lo stato di salute di queste condizioni? Insomma: come sta l’ambiente in Italia?

Per rispondere un primo indicatore utile è la nostra percezione. E in questi giorni la percezione di chi vive soprattutto nella Pianura Padana, come ci insegnano le cronache, è pessima per quel che riguarda la qualità dell’aria. Mentre al Sud a preoccupare è soprattutto la siccità, con lo spettro dei razionamenti che si fa concreto già adesso. Ma cosa ci dicono i dati?

Per saperlo ci viene in aiuto l’edizione 2023 del Rapporto Ambiente – SNPA (Sistema Nazionale a rete per la Protezione dell’Ambiente). Il volume, giunto alla quarta edizione, mette insieme i dati rilevati da ISPRA, l’ente pubblico nazionale di ricerca che ne coordina le attività, e delle agenzie per la protezione dell’ambiente delle Regioni e delle province autonome di Trento e Bolzano (le ARPA). Vengono analizzati 21 indicatori che delineano le tendenze delle principali tematiche ambientali: dalla circolarità dei modelli di produzione, distribuzione e consumo, all’efficienza energetica, dal livello di emissioni allo stato del capitale naturale.

Leggi anche: Come l’Unione Europea punta sull’agricoltura per la rimozione della CO2

La salute dell’ambiente in Italia va e viene

Dalle 291 pagine del report emerge che l’Italia ha un andamento ondivago a livello ambientale. Il nostro Paese si conferma in linea con gli obiettivi europei e di sviluppo sostenibile per la produzione di energia da fonti rinnovabili, vanta buoni livelli di raccolta differenziata dei rifiuti e diminuisce lo smaltimento in discarica. La qualità dell’aria – che, ricordiamolo, fa riferimento ai dati del 2021 – registra un lento miglioramento, soprattutto del particolato PM2,5. Arrivano buoni risultati anche dall’agricoltura biologica. Ma le buone notizie terminano qui.

Soprattutto a preoccupare sono gli indicatori climatici. Per quanto riguarda la mitigazione, vale a dire la riduzione delle emissioni di gas serra, il report fa notare da una parte  che negli ultimi 30 anni “si sono ridotte di circa un quinto rispetto al 1990” ma dall’altra, dopo la battuta d’arresto dovuta al periodo pandemico, dal 2021 hanno ripreso a salire, dell’8,5% rispetto al 2020. Preoccupa anche lo stato dell’adattamento climatico in Italia, come ci insegna l’esperienza di questi anni: a fronte di condizioni climatiche nettamente peggiori (la scomparsa della neve, il suolo meno fertile, gli eventi meteorologici estremi), il piano nazionale di adattamento appare insoddisfacente (come abbiamo scritto qui) e va ancora peggio coi piani regionali.

“Nel 2021 le strategie (regionali, ndr) approvate sono 4 – sottolinea il rapporto – due in più rispetto al 2018. Una lieve tendenza positiva ma ancora del tutto insufficiente. Il dato non è confortante anche alla luce del fatto che la Strategia Nazionale è invece approvata dal 2015. L’unico Piano approvato, come nel 2018, è quello della Regione Lombardia. Quindi nessun segnale di crescita ma stabilità a livelli insoddisfacenti”.

Insomma: come si legge nella sintesi del rapporto “sebbene si siano osservati dei miglioramenti e le azioni intraprese, da parte del nostro Paese e delle singole realtà regionali, vadano nella giusta direzione, per alcune problematiche ambientali sono necessari ulteriori sforzi per il miglioramento e/o la conservazione delle condizioni ambientali”.

Leggi anche: Mangimi più circolari riducono il consumo di acqua e di suolo

E l’economia circolare?

Con 33 citazioni all’interno del rapporto SNPA l’economia circolare assume un ruolo di primo piano tra gli indicatori per lo stato di salute dell’ambiente in Italia. Anche se viene associata alla gestione dei rifiuti – e forse sarebbe il caso di cominciare a separare i campi, come sosteniamo da tempo su questa testa. In ogni caso il rapporto annuale sull’ambiente curato da ISPRA e dalle varie Arpa sottolinea che “il nuovo piano d’azione per l’economia circolare adottato nel marzo 2020 è uno dei principali elementi costitutivi del Green Deal europeo. Il piano d’azione annuncia iniziative lungo l’intero ciclo di vita dei prodotti, con l’obiettivo di ridurre l’impronta dei consumi, di raddoppiare il tasso di utilizzo di materiali circolari entro il 2030, promuovere i processi dell’economia circolare, incoraggiare il consumo sostenibile e prevenire la produzione di rifiuti”.

Per quanto riguarda questi ultimi l’ultimo dato disponibile, relativo al 2021, ci dice che “la produzione nazionale dei rifiuti urbani si attesta a 29,6 milioni di tonnellate, in aumento del 2,3% rispetto al 2020”. In compenso è aumentata anche la raccolta differenziata, che ha raggiunto il 64%: in dieci anni, dal 2011 al 2021, la percentuale è aumentata di oltre 26 punti percentuali, passando dal 37,8% al 64%. Tra i rifiuti differenziati, l’organico si conferma la frazione più raccolta in Italia con oltre 7 milioni di tonnellate.

ambiente 2

Come già accennato, in contemporanea è diminuito anche il conferimento in discarica: nel 2021, secondo i dati del report SNPA, i quantitativi di rifiuti urbani giunti all’ultimo gradino della raccolta differenziata ammontano a 5,6 milioni di tonnellate, pari al 19% del totale. Se sull’obiettivo del 50% di riciclaggio dei rifiuti urbani, sancito dall’Unione Europea per il 2030 per i 27 Stati membri, non ci sono dubbi, qualche timore sopraggiunge invece sul conferimento. “L’analisi dei dati  – sottolinea il rapporto SNPA – evidenzia la necessità di imprimere una accelerazione nel miglioramento del sistema di gestione per consentire il raggiungimento dei nuovi sfidanti obiettivi previsti dalla normativa europea; lo smaltimento in discarica nei prossimi 15 anni dovrà essere dimezzato (10% entro il 2035)”.

Per quanto riguarda nello specifico l’economia circolare il report accumula una serie di contributi da parte di alcune ARPA che raccontano alcune soluzioni innovative e poi: buone pratiche (Molise), la filiera della carta e del cartone (Campania), la campagna ispettiva straordinaria presso il sistema di discariche di rifiuti speciali (Sardegna), il rilascio di alcuni pareri ambientali (Veneto). Forse era lecito aspettarsi di più dal report SNPA, specie perché l’indice sull’economia circolare è uno degli aspetti positivi che a cascata, nostro avviso, è capace di incidere anche sulle altre performance ambientali.

ambiente economia circolare

Leggi anche: PNRR e rifiuti: dal Programma Nazionale per la Gestione dei Rifiuti alla strategia nazionale

© Riproduzione riservata

spot_img

POTREBBE INTERESSARTI

Ultime notizie