venerdì, Ottobre 30, 2020

TERRA FELIX

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Nelson Gaudiano]
Terra Felix, uno spazio un tempo abbandonato al centro di un territorio fortemente soggetto ad abusivismo edilizio, oggi un luogo rivalutato dove si valorizzano i prodotti biologici campani.


Sinossi

Terra Felix è una cooperativa istituita nel 2012 principalmente per riqualificare il casale abbandonato di Teverolaccio adibendolo ad azienda agricola. Il progetto offre una serie di attività e servizi, curate dai volontari di Legambiente, che hanno portato alla riqualificazione e alla ristrutturazione del casale e del territorio circostante. Il “Giardino del Principe” oggi ospita il “Giardino dei Sensi” e “l’Ortaccio formato da 18 orti sociali. “La Tipicheria”, anticamente la stalla del casale, è ora un locale-vetrina di cultura e tradizione, un luogo accogliente per gustare prodotti eccellenti DOC e DOP della Campania. Ai piani superiori del casale sorge il “Mulab”, laboratorio a scopo didattico per svolgere attività d’arte e ceramica con i bambini.
Terra Felix è al centro di quella che i romani chiamavano “Campania Felix” (da cui deve il nome), territorio chiamato così per la sua alta fertilità. Oggi è un territorio degradato, caratterizzato da speculazione edilizia, inquinamento e con la massiccia presenza di organizzazioni criminali. Dal 1997 inizia la collaborazione tra il Comune di Succivo, l’associazione Geofilos e Legambiente per ripulire dai rifiuti il territorio di 6000 mq circostante al Casale, destinandolo ad uso agricolo. In questo contesto territoriale il progetto “Ecomuseo” nasce non solo per rivalutare un territorio fortemente agricolo soggetto oggi ad abusivismo edilizio, ma anche per essere un baluardo di legalità e coesione sociale.

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”34″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”240″ thumbnail_height=”160″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Cassa Depositi e Prestiti: un anno da 2,7 miliardi per l’economia circolare

L’iniziativa ha l'obiettivo di finanziare progetti di economia circolare con un investimento di 10 miliardi di euro in 5 anni. Nel primo anno di attività il programma ha sostenuto diversi progetti innovativi ideati da startup e aziende europee

Recovery fund, l’appello di 100 imprese per la svolta green: “Si adottino misure credibili”

Cento imprese italiane hanno firmato un appello per richiedere misure credibili e più efficaci per la transizione ecologica

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti