mercoledì, Ottobre 28, 2020

D’ALTRA MODA

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Massimo Simeone]
“d’Altra Moda” sono le mani e la fantasia di donne con la passione per la sartoria: tessuti dimenticati e vestiti démodé vengono tagliati, disassemblati, cuciti e riutilizzati per creare nuovi abiti


Sinossi

“d’Altra Moda” è un laboratorio sartoriale fatto da donne. Il progetto nasce a fine anno 2016 dall’esigenza di offrire al territorio di Riano (provincia di Roma) nuove possibilità di sviluppo.
Quella del recupero e del riciclo è oggi una delle poche possibilità che può essere perseguita, in grado di avviare nuove capacità di utilizzo e di non spreco di materie già a disposizione, che altrimenti produrrebbero “rifiuto”.
I materiali che il laboratorio utilizza per il proprio lavoro sono vestiti e accessori usati, in parte provenienti da dismissioni di magazzini (abiti fuori moda) in parte da donazioni di singoli privati. In questo modo i vecchi abiti in disuso vengono intercettati prima di finire negli ingombranti cassonetti gialli e quindi portati nei centri di raccolta, creando di fatto una nuova modalità di distribuzione.
I vestiti vengono utilizzati come materia prima: si lavora su modelli preparati dalle stiliste, per essere rielaborati ed impreziositi con accessori. Quindi i nuovi abiti vivono una seconda vita.
Il laboratorio sartoriale è composto da un affiatato gruppo di donne dai 30 ai 70 anni che, con passione e fantasia, si sono reinventate sarte e stylist.

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”33″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”240″ thumbnail_height=”160″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Recovery fund, l’appello di 100 imprese per la svolta green: “Si adottino misure credibili”

Cento imprese italiane hanno firmato un appello per richiedere misure credibili e più efficaci per la transizione ecologica

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti

Un’etichetta di riciclabilità (come quella energetica) può favorire la circolarità delle plastiche

Con il responsabile della piattaforma RecyClass, Paolo Glerean, analizziamo il meccanismo messo in piedi per favorire la produzione e l’utilizzo di imballaggi plastici di qualità elevata e dunque più adatti al riciclo