lunedì, Gennaio 17, 2022
RUBRICA

SPECIALE | Acqua
S

Può una risorsa diventare un problema? Sì, se la sua presenza si trasforma in assenza e, ulteriormente, sfocia in possibili disuguaglianze. È il caso dell’acqua, il liquido più prezioso del nostro Pianeta e che però, specie nella crisi climatica in atto, è da tempo oggetto di contese e sfide globali.

L’economia circolare in questo senso può avere davvero un ruolo fondamentale: dovremo fare tutto il necessario per incentivare le famose R della gerarchia dei rifiuti anche nel caso dell’acqua. Dal riciclo al riutilizzo fino ad arrivare alla riduzione, sono tanti gli esempi che riportiamo in questo nuovo Speciale. E che si possono applicare a diversi ambiti, a partire dalle acque reflue fino ad arrivare all’agricoltura, il settore più “acquivoro” di tutti.

Quel che è certo è che serve agire, e subito. In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, che si tiene ogni 22 marzo, l’UNICEF ha ricordato che un cambiamento del clima si avverte soprattutto attraverso un cambiamento dell’acqua. Tra i punti più critici segnalati dalla famosa ong, si segnalano:

  1. Ogni giorno, più di 700 bambini sotto i 5 anni muoiono a causa della diarrea, legata ad acqua e servizi igienico-sanitari inadeguati

2. Entro il 2040, quasi 1 bambino su 4 vivrà in aree a stress idrico estremamente elevato.

3. Il cambiamento climatico aggrava lo stress idrico – aree con risorse idriche estremamente limitate – portando a una crescente competizione per l’acqua, e persino a conflitti.

4. L’aumento del livello del mare sta facendo sì che l’acqua dolce diventi salata, compromettendo le risorse idriche su cui fanno affidamento milioni di persone

Che fare, dunque? Nell’ottica del giornalismo costruttivo che ci contraddistingue, noi qualche possibile correzione di rotta l’abbiamo indicata. Come sempre, saremo lieti di accogliere il contributo alla discussione di lettori e addetti ai lavori. Buona lettura.

© Riproduzione riservata

Trattamento delle acque reflue, i Paesi europei migliorano ma l’Italia resta indietro

I nuovi dati dell’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) mostrano che la quota di acque reflue urbane raccolte e trattate in linea con le norme dell’UE sta crescendo in diversi Paesi. Restano però grandi differenze: in Italia solo il 56% delle acque reflue è trattata secondo gli standard europei

L’acqua nel mondo: con i cambiamenti climatici a rischio anche cibo, salute e sicurezza

Scarsità e sprechi, inquinamento e inondazioni: l’acqua è una risorsa dal valore inestimabile ma è anche uno dei più grandi problemi che dovremmo affrontare negli anni a venire. Si stima che nel 2050 più di 5 miliardi di persone non avranno un adeguato accesso all’acqua per almeno un mese all’anno

Impronta idrica: cosa è, a cosa serve e come calcolarla

Tutto quello che mangiamo e acquistiamo richiede una certa quantità di acqua, spesso “invisibile”. L’impronta idrica calcola l’acqua che non siamo consapevoli di consumare. Da qualche tempo si fa avanti la proposta di indicare l'impronta idrica di ogni prodotto, così come avviene con la CO2

Tutta l’acqua dell’Italia: consumi eccessivi, sprechi e carenze affliggono il Paese

Alla luce dei cambiamenti climatici e delle scadenze imposte dal Pnrr, l’Italia deve fare i conti con le sue mancanze nella gestione idrica e depurativa: dai consumi eccessivi, alla dispersione idrica, con uno sguardo alle norme che disegneranno il futuro di questa risorsa vitale nei prossimi anni