venerdì, Ottobre 30, 2020

VETROMAGHIE

Economia Circolare
Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Erica Antonelli e Stefano Manduzio]
Dove le bottiglie in vetro “si liberano” dagli stampi industriali per rinascere sotto nuove forme e nuovi utilizzi

Sinossi

Immerso nella campagna di Testa di Lepre nel comune di Fumicino, Vetromaghie è un luogo in cui arte e originalità si fondono in trasparenza, dando vita a nuovi oggetti e complementi di arredo a partire da una semplice bottiglia di vetro.
A dare il benvenuto è Nadia, prima donna in Italia a gestire un laboratorio di lavorazione di vetro soffiato. Una piccola realtà artigianale nata nel 2002, cresciuta negli anni e diventata simbolo riconoscibile e valore aggiunto di un intero territorio.
Originale espressione della vicinanza alla materia, alla terra come “Madre” di ogni cosa, Vetromaghie ha una mission ben precisa: “risvegliare l’umano modernologico dal torpore del consumismo, esplorando modelli di vita in armonia con i cicli e ricicli naturali”.
Nel suo laboratorio Nadia non butta via niente: tutto è destinato ad una seconda e terza vita. Carta e plastica vengono utilizzati per gli imballaggi; ferro ed altre leghe per la realizzazione di installazioni. E poi c’è il vetro, il materiale che più di tutti incarna il concetto di economia circolare perché riciclabile all’infinito. Le bottiglie, così come gli scarti di lavorazione, sostituiscono al 100% la materia prima senza perdere in qualità e soprattutto con grandi benefici ambientali, sia in termini di risparmio energetico che di recupero di materia.
L’attività si è inoltre dotata di un impianto di pannelli solari, necessario per il fabbisogno energetico del laboratorio, incluso un forno per la vetrofusione.

Scopri la piattaforma ICESP
- Advertisement -

Ultime notizie

Cassa Depositi e Prestiti: un anno da 2,7 miliardi per l’economia circolare

L’iniziativa ha l'obiettivo di finanziare progetti di economia circolare con un investimento di 10 miliardi di euro in 5 anni. Nel primo anno di attività il programma ha sostenuto diversi progetti innovativi ideati da startup e aziende europee

Recovery fund, l’appello di 100 imprese per la svolta green: “Si adottino misure credibili”

Cento imprese italiane hanno firmato un appello per richiedere misure credibili e più efficaci per la transizione ecologica

Gestione circolare dei rifiuti? Per Roma è ancora utopia

Un incontro promosso dal movimento Legge rifiuti zero ha messo insieme associazioni, amministratori locali e imprese. Tutti d'accordo su un principio: alla Capitale serve un piano industriale autosufficiente, sostenibile e decentrato

Come ridurre i rifiuti dai prodotti monouso. Un vademecum per i Comuni

E' online la guida realizzata dall'Emilia Romagna che vuole supportare gli enti locali che intendono ridurre i rifiuti derivanti dall’utilizzo di prodotti in plastica monouso e altri materiali. In coerenza con il paradigma dell’economia circolare

Vaia due anni dopo: la rinascita passa dall’utilizzo del legno

A 2 anni da Vaia, la tempesta che colpì il nord est distruggendo un'area di 42.500 ettari di foreste alpine, Antonio Brunori, segretario generale di PEFC, racconta le criticità legate agli insetti e all'attacco del legno morto. Ma in questi 2 anni sono germogliate anche tante esperienze di solidarietà e circolarità che hanno dato nuova vita agli alberi abbattuti