fbpx
domenica, Luglio 21, 2024

Istruzioni per il corretto conferimento della raccolta differenziata. Il sacchetto quando serve?

È una delle domande più sottovalutate quando si fa la raccolta differenziata: quando serve il sacchetto? Al netto del fatto che bisogna sempre guardare le indicazioni dei Comuni, qui una serie di indicazioni generali di cui tener conto per una migliore qualità della differenziata e un corretto riciclo

Letizia Palmisano
Letizia Palmisanohttps://www.letiziapalmisano.it/
Giornalista ambientale 2.0, spazia dal giornalismo alla consulenza nella comunicazione social. Vincitrice nel 2018 ai Macchianera Internet Awards del Premio Speciale ENEL per l'impegno nella divulgazione dei temi legati all’economia circolare. Co-ideatrice, con Pressplay e Triboo-GreenStyle del premio Top Green Influencer. Co-fondatrice della FIMA, è nel comitato del Green Drop Award, premio collaterale della Mostra del cinema di Venezia. Moderatrice e speaker in molteplici eventi, svolge, inoltre, attività di formazione sulle materie legate al web 2.0 e sulla comunicazione ambientale.

La raccolta differenziata è una pratica essenziale per la corretta gestione dei rifiuti domestici poiché consente di ridurre la nostra impronta ambientale e di promuovere il riciclo dei materiali in un’ottica di economia circolare.

Tuttavia, per ottenere i migliori risultati, è importante seguire le regole dettate in modo specifico per ogni frazione di raccolta differenziata. Se, infatti, le norme generali appaiono chiare, sono le eccezioni e le specifiche di dettaglio a creare confusione.

Uno dei punti nodali (e degli errori che ne conseguono) riguarda l’utilizzo dei sacchetti per la raccolta dei rifiuti. Infatti, bisogna capire se serve raccogliere i rifiuti all’interno di una busta e, quindi quale sacchetto garantisca una corretta gestione e una migliore qualità della raccolta.

Questo articolo nasce quindi per rispondere a domande del tipo: carta e cartone hanno sempre bisogno della busta? Il vetro si butta all’interno di un sacchetto? I vestiti vanno conferiti così come sono?

Leggi anche: I 3 grandi ostacoli di una corretta raccolta differenziata, secondo Junker

Perché è fondamentale conoscere il regolamento attuale del proprio Comune

Proviamo qui a dare delle indicazioni generali di conferimento ma queste non devono mai prevalere sul prestare massima attenzione alle regole attuali del proprio Comune che variano nel tempo o da quartiere a quartiere.

Spesso, infatti, le diverse amministrazioni locali hanno regole differenti nella gestione dei rifiuti (potrebbero chiedere sacchetti di colori specifici o col chip, vietare quelli neri, prevedere che la carta non possa essere sfusa e così via), le modificano nel tempo anche per vedere quali sono più efficaci. Quindi è fondamentale informarsi preventivamente sui regolamenti vigenti nei luoghi dove si vive o si è in vacanza.

Sottolineato con forza ciò proviamo comunque a fornire qualche informazione utile, dopo aver sentito le esperte e gli esperti di Junker app che ci hanno aiutato a dare una risposta alle tante diverse domande.

Carta e cartone: il sacchetto solo quando serve

Carta e cartone (come una scatola ma anche una rivista) possono essere conferite anche sciolte stando attenti che fogli o volantini non volino via. In tal caso potrete sfruttare una busta di carta pulita per la raccolta. Attenzione a quelle coi manici: in alcuni casi sono di stoffa… optate ovviamente per quelli di carta.

Leggi anche: Il riciclo della carta in Italia spiegato coi numeri

Il vetro si conferisce “sfuso”

Il vetro va gettato senza alcun tipo di sacchetto né di carta, né di plastica, né di stoffa o di qualsiasi materiale. Se dovete disfarvi di diverse bottiglie e/o barattoli, vi converrà portarli sino alla famosa “campana verde” con una sportina da ripiegare e mettere in tasca (o in alternativa qualcosa da buttare ma nel contenitore giusto, non nel vetro).

Leggi anche: Come fare bene la raccolta differenziata del vetro

La plastica: occhio a non far disperdere gli imballaggi piccoli e leggeri

Per la raccolta degli imballaggi di plastica potrete utilizzare un sacchetto di plastica e comunque non usate in nessun caso sacchetti di carta o compostabili.

Considerato che spesso il packaging è molto leggero (pensiamo ad una bottiglietta da mezzo litro vuota), il sacchetto eviterà dispersioni. Non serve, però, per i contenitori voluminosi (come quelli dei detersivi). Se poi state conferendo una bottiglietta in una reverse vending machine (le RVM sono, ad esempio, utilizzate per il vuoto a rendere), il macchinario potrebbe guidarvi magari invitandovi a inserire il tappo in una fessura e la bottiglietta in un’altra, senza alcun contenitore.

Come probabilmente saprete una bottiglia di plastica, quando viene conferita nella raccolta differenziata ordinaria (non le RVM), va schiacciata. Evitate quindi di utilizzare la stessa come contenitore di altri rifiuti poiché potreste incontrare serie difficoltà nell’estrarre ciò che avete stipato al suo interno ed eventuali residui potrebbero causare confusione durante il processo di smistamento e riciclaggio dei materiali, riducendo quindi la qualità della differenziata.

In altri casi, come la raccolta porta a porta, alla frazione plastica-metalli (alluminio) è dedicato un apposito sacchetto. Questo a dimostrazione del fatto che le indicazioni generaliste devono poi confrontarsi con le situazioni concrete.

Leggi anche: Riciclo meccanico della plastica, “settore in stagnazione”

L’alluminio come si butta?

Tra i materiali presi in considerazione dal nostro articolo, tra i più difficili per cui dare una regola generalista sono i metalli; quindi, acciaio e alluminio questo anche perché spesso sono raccolti o col vetro o con la plastica. Sottolineando quindi mille volte che è opportuno leggere il regolamento del luogo ove vi trovate, potremmo ipotizzare che se nulla è indicato, non dovrebbe essere necessario usare un sacchetto per buttar via una lattina di alluminio: se vi trovate per strada bevete e… la conferite. Tuttavia, se dovete gettare rifiuti più leggeri (come la cosiddetta carta stagnola) sarà bene piegarli per evitare che si disperdano nell’ambiente.

Se, invece, preferite utilizzare un sacchetto per motivi di praticità e di igiene, salvo specifica indicazione del Comune, è buona norma che siano trasparenti per facilitare l’immediata riconoscibilità del contenuto. In ogni caso, evitate di inserire un materiale dentro l’altro come, ad esempio, un packaging di plastica all’interno di una lattina.

Leggi anche: Le tante vite dell’alluminio

Abbigliamento e tessile

Divenuta obbligatoria, la raccolta dell’abbigliamento e del tessile è spesso eseguita dai Comuni attraverso i cassonetti installati sul territorio. Vestiti, lenzuola, tovaglie, scarpe (queste ultime da inserire solo se in buone condizioni), prima di essere conferiti, debbono essere imbustati all’interno di sacchetti per evitare che un eventuale capo sporco possa contaminare gli altri.

I nostri suggerimenti, per oggi, finiscono qui anche se potremmo continuare trattando altre categorie di raccolte differenziate, ma ciò che è importante comprendere è un principio: informatevi correttamente sulle regole per rendere il vostro impegno al riciclo davvero efficace e per ottenere risultati positivi che partono da come noi differenziamo e conferiamo a monte i diversi rifiuti.

Scarica il Quaderno sul Tessile

Indifferenziato: attenzione alle diverse regole sui contenitori

Soprattutto per la frazione indifferenziata (o frazione secca residua) vale quanto riassunto finora: le regole del corretto conferimento variano da Comune a Comune. In alcuni come, ad esempio, a Roma, il sacchetto deve essere trasparente. In altri è invece attivo un sistema con tariffe puntuali che prevedono l’utilizzo di sistemi di rilevazione tramite tessere o microchip. In molti, invece, il sacchetto è “libero” e ciò consente di gettare i rifiuti senza la necessità di utilizzare un particolare sacchetto e quindi, in questi casi, potreste usare quelli che ritenete più utili o dei quali volete disfarvi (vi avanzano ancora quelli oxo, ormai “fuori legge?”).

Come avete visto vi sono delle indicazioni generaliste utili come linee guida ove non vi siano indicazioni specifiche dei Comuni dove vi trovate che ovviamente prevalgono sempre. Avete domande relative ad altri tipi di differenziata e… i loro contenitori? Segnalateceli nei commenti sui social!

Leggi anche: Cuffiette dello smartphone, smartwatch, vecchie radioline e frullatori: come fare la differenziata

© Riproduzione riservata

spot_img

POTREBBE INTERESSARTI

Ultime notizie