fbpx
venerdì, Aprile 19, 2024

Libri d’estate, 9 consigli di lettura per bambine e bambini ecologisti

L'estate porta con sé la voglia e la possibilità di rallentare e dedicarci alla lettura, anche per le più piccoli ed i più piccoli. Ecco 9 consigli di albi illustrati e libri che esplorano la natura e le battaglie ambientali, e possono far crescere ed ispirare le nostre bambine ed i nostri bambini

Barbara Leda Kenny
Barbara Leda Kenny
Senior gender espert della Fondazione G. Brodolini. Si occupa di politiche di genere e comunicazione, è la coordinatrice di inGenere.it portale di economia e società in una prospettiva di genere che si occupa di divulgazione della ricerca e dei saperi tecnici. È socia fondatrice di Tuba, la libreria delle donne di Roma aperta nel 2007 e dal 2017 una delle ideatrici e curatrici di inQuiete Festival di scrittrici a Roma.

Con l’arrivo del periodo estivo, per molte e molti di noi il tempo rallenta e ci concede di immergerci nella lettura senza distrazioni. E se prima di andare in vacanza scegliessimo in libreria qualcosa di diverso anche per le nostre bambine e bambini? Ecco una selezione di letture per aiutare a sviluppare una sensibilità ambientale anche nei più piccoli, nella convinzione che non è mai troppo presto per imparare a conoscere e rispettare il nostro Pianeta.

Albi illustrati che salvano il Pianeta

Tre albi illustrati che raccontano piccole e grandi battaglie per salvare gli alberi, storie per bambine e bambini più o meno piccoli, che ci insegnano a osservare e ascoltare la natura e a lottare.

  • La bambina che ascoltava gli alberi. Olive ha undici anni e ha come migliore amica una quercia centenaria, quando l’albero rischia di essere abbattuto promette di proteggerlo e inizia ad ascoltare le storie degli alberi, e sarà proprio ascoltando gli alberi che riuscirà a capire come tenere fede alla sua promessa. Scritto da Natasha Farrant e illustrato da Lydia Corry è un libro sulle meraviglie della natura, il pianeta in pericolo e quello che tutte e tutti possiamo fare per difenderla.
  • La bambina che piantava gli alberi. Quando una bambina scopre che una volta la sua grande montagna grigia era ricoperta dai boschi, decide di piantare i semi dei frutti che mangia per far crescere nuovi alberi. Ma può una bambina piccola riuscire in un’impresa tanto grande? Forse sì, se la lucina di un’idea si trasforma in un desiderio così potente e bello da diventare il sogno di tutti. Una storia per tutte le età, piena di forza, speranza e amore. Un libro di grande formato con copertina impreziosita dal titolo in rilievo. Dalla collana ‘Le storie più belle’. Un libro di Caryl Hart con illustrazioni di Anastasia Suvorova, edizione la Coccinella.
  • Wangari Mathaai, la donna che amava gli alberi. Premio Nobel per la Pace nel 2004, Wangari Maathai è stata un’ambientalista, attivista politica e biologa kenyota. Qui vengono raccontati i momenti cruciali della sua vita, partendo dai primi ricordi di bambina. Nata in una fattoria tra le colline, il Kenya che si mescola ai primi ricordi e trabocca di vegetazione, le foreste sembrano rivestire quelle terre con un abito. Un abito verde. Poi arrivano gli anni degli studi in America, la lontananza e il ritorno. Wangari ritrova uno scenario differente. Le terre sono aride, i letti dei fiumi prosciugati, le persone malnutrite, pochi gli alberi rimasti. Wangari ha non una semplice idea, ma un’idea semplice, che è potente. Perché non insegnare alle persone a piantare alberi? Per ogni albero distrutto, per ogni terreno disboscato una nuova pianta può trovare radici. Un libro di Claire A. Nivola, edizione jaka Books.

Leggi anche: 8 libri per raccontare a bambini e teenager l’economia circolare e l’ecologia

Tre storie di ragazze che cambiano il mondo

Storie da vivere, perché ognuna di noi può fare piccole e grandi cose per cambiare il mondo in cui viviamo. Storie del presente di ragazze che lottano contro inquinamento, sfruttamento e cambiamento climatico, storie del passato di scienziate che hanno cambiato il modo in cui pensiamo il pianeta e hanno lottato per la natura. Per ragionare, per ispirarci e anche per sognare a occhi aperti.

  • Green girls. Storie vere di ragazze dalla parte del pianeta. Sono Lilli, Iris, Margarita, Luisa-Marie, Nadia, Alice,  Miriam e molte altre, vengono dai quattro continenti e sono attiviste ecologiste. Un libro per conoscere loro e le loro battaglie, una generazione di ragazze determinate e appassionate, e hanno costruito una vera e propria rete in tutto il mondo con un obiettivo comune: lottare per la Terra. C’è chi pianta alberi, chi difende i bradipi, chi custodisce le acque del proprio Paese, chi protegge la foresta amazzonica, chi ogni giorno si sveglia per raccogliere rifiuti e chi con le proprie mani pulisce il mare dal petrolio per salvare i coralli. Sono storie diverse, provenienti da ogni parte del mondo, ma accomunate dalla volontà di salvare a tutti i costi la natura e il nostro pianeta. Un libro di Christiana Ruggeri, illustrazioni di Susanna Rumiz, edizione Giunti.
  • Ragazze per l’ambiente. Scritto da Vichi De Marchi con illustrazioni di Giulia Sagramola, ragazze per l’ambiente racconta le storie di dieci scienziate che nella storia con la loro ricerca sono state pioniere dell’ecologia da Rachel Carson, che negli anni ‘60 ha denunciato l’uso indiscriminato di Ddt e pesticidi, Eunice Newton Foote, a cui si deve la scoperta dei gas serra, e Maria Telkes, soprannominata “la regina del sole” per i suoi studi sull’energia solare. E ancora, Barbara Mazzolai, che indaga i meccanismi ecologici del suolo grazie a uno speciale robot di sua invenzione, il plantoide, e Caitilin O’ Connel, in prima linea nello studio e nella difesa degli elefanti e del loro territorio. Editoriale Scienza.
  • La signora degli abissi. La vincitrice del Premio Strega ragazze e ragazzi 2016Chiara Carminati e l’illustratrice Mariachiara Di Giorgio raccontano la storia di Sylvia Earle, oceanografa, prima donna a scendere negli abissi oceanici è stata un’apripista, ha lavorato con altre scienziate e fondato Mission blu un’organizzazione per la salvaguardia dei mari e la creazione di una rete di aree marine protette. L’incredibile storia di una donna determinata e tenace. In chiusura, l’intervista alla protagonista. Editoriale Scienza.

Leggi anche: Giochi ecosostenibili, 9 idee di economia circolare per bambini e animali

Stare sugli alberi

Salire sugli alberi è un modo per separarsi dalla società, è un moto di ribellione, ecco tre piccole e grandi storie che raccontano protagoniste che a un certo punto per gioco, per tristezza o avventura sono si sono arrampicate sui rami.

  • La storia di Mina – un libro per ragazze e ragazzi. Un romanzo in forma di diario di Mina una ragazza stramba e indisciplinata, coraggiosa che Se ne sta sul suo albero a osservare gli uccelli, il mondo e la straordinaria vita che scorre sotto le sue gambe a penzoloni. Sa che non potrà stare per sempre lassù, che prima o poi dovrà scendere, tornare a scuola, farsi qualche amico, accettare che il suo papà sia in un luogo da cui non si può fare ritorno. Ma intanto, dall’alto del suo rifugio, Mina riflette: sui misteri del tempo, sulla vita, sul dolore della perdita, su dio e… sugli strudelini ai fichi! Di David Almond, edizioni Salani.
  • La casa sull’albero – un libro per bambine e bambini. Scritto da Bianca Pitzorno e illustrato da Quentin Blake “La casa sull’albero” è un romanzo surreale per preadolescenti che ha vinto il premio Andersen nel 1985. È la storia di due amiche Bianca e Aglaia (una adulta e l’altra bambina) stufe di vivere in città, che si decidono a vivere in una casa su un albero così speciale che, grazie a semplici innesti, è in grado di produrre qualsiasi tipo di frutta e persino il pane. Sfortunatamente sull’albero abita anche il vecchio misantropo Beccaris Brullo che alleva una pianta carnivora. A seguito del conflitto con il condomino indesiderato, la famiglia di Aglaia e Bianca (che già comprendeva la gatta Prunilde e il cane Amedeo) si allarga: cadono infatti da tre cicogne in volo, vittime non predestinate degli spari del signor Brullo, dei fagottini con quattro neonati.
  • Quassù sull’albero – per le più piccole e i più piccoli. Margaret Atwood, molto nota per i suoi romanzi e le raccolte di racconti e poesie, ha scritto e disegnato il libro con gusto naïf già nel 1978. È la storia di un fratello e una sorella che vogliono costruire una casa sull’albero, un albo illustrato che dà forma alla fantasia di tutti i bambini: salire per non dover scendere più.

Leggi anche: Centri estivi circolari e rinnovabili: nel 2023 sempre più di moda i campus ecofriendly

© Riproduzione riservata

spot_img

POTREBBE INTERESSARTI

Ultime notizie