fbpx
lunedì, Agosto 2, 2021
RUBRICA

SPECIALE | Centri del riuso
S

L’Italia del riuso, buone pratiche da potenziare

di Antonio Pergolizzi, Daniele Di Stefano e Madi Ferrucci

Allungare la vita degli oggetti per evitare il più possibile che diventino rifiuti: è un obiettivo fondante delle strategie europee per la gestione dei rifiuti e del Piano d’azione Ue per l’economia circolare.

Prima di tutto c’è la prevenzione: tutto ciò che può evitare a monte la formazione di nuovi rifiuti, dunque, è benvenuto e va incoraggiato. Il riuso, la riparazione, la vendita di prodotti di seconda mano sono insomma non solo iniziative di buonsenso ma anche ingredienti fondamentali per la strategia ambientale europea e il Green Deal.

Eppure in Italia si attende da 10 anni il decreto ministeriale per la preparazione al riutilizzo, previsto, in attuazione della direttiva quadro sui rifiuti, dal decreto legislativo 205/2010. Un’attesa che di fatto impedisce il diffondersi di pratiche virtuose presenti già oggi nel nostro Paese, che descriveremo in questo Speciale, con il quale per la prima volta si offre un quadro dello stato dell’arte normativo accompagnato alla presentazione della mappatura dei centri del riuso italiani.

Buone pratiche che per essere replicate e uscire dall’angolo del mero volontariato hanno bisogno di un quadro normativo chiaro. Nonché di agevolazioni che riconoscano il valore ambientale, sociale ed economico di attività che sottraggono rifiuti a discariche e inceneritori e riducono il prelievo delle materie prime necessarie a produrre nuovi beni.

In questo Speciale raccontiamo il fenomeno dei centri del riuso e della riparazione in Italia e all’estero, analizziamo le potenzialità della filiera del riuso e della riparazione (economie, posti di lavori, benefici sociali), e affrontiamo la questione delle norme da introdurre per valorizzare questa realtà già con il Piano di nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) che il governo dovrà presentare entro fine aprile alla Commissione europea.

Come sempre, saremo lieti di accogliere il contributo alla discussione di lettori e addetti ai lavori. Buona lettura.

© Riproduzione riservata

Il riuso fa bene all’ambiente e finanzia attività sociali: il centro AltroGiro di Parma

Non solo si salvano decine di tonnellate di beni dalla discarica, non solo si aiutano famiglie in difficoltà che possono attingere a quei beni, ma il centro del riuso di Parma alimenta un flusso di benefici sociali che vanno dalla casa per persone disagiate all’officina sociale.

Durante la pandemia crescono il riuso e il mercato dell’usato. E la consapevolezza del loro valore ambientale

Diminuisce lo stigma sociale e aumenta la consapevolezza ambientale dietro gli acquisti second hand. Resta, soprattutto in periodi di crisi, il valore sociale dell'usato

Bruxelles, da rifugio per i senzatetto a centro per il riuso: la storia di Televil

Nel centro di Vilvoorde è possibile trovare di tutto. Televil nasce come rifugio e luogo di ospitalità per persone in difficoltà economica con l'obiettivo di creare un supporto totale alla persona. "Abbiamo cominciato a ricevere troppe cose e così ci siamo organizzati per rivenderli”, racconta il direttore Luc Daelemans

Salvare le persone. Anche a questo servono i centri del riuso. L’esempio di San Benedetto del Tronto

Gestiti da una cooperativa, gli sgomberi, la selezione degli oggetti, la loro valutazione e la vendita di beni usati non nascono da obiettivi ambientali: l’ambiente e il riuso sono strumenti per aiutare persone in difficoltà.