fbpx
mercoledì, Settembre 22, 2021

Normazione e formazione, con UNITRAIN l’esperienza di UNI al servizio dell’impresa

Dedicati a tecnici, manager, imprenditori, professionisti, i corsi di UNITRAIN – che rispondono ai requisiti di qualità della norma UNI EN ISO 9001 – toccano anche temi come l’etichettatura energetica, la comunicazione delle prestazioni ambientali dei prodotti, la carbon footprint e il turismo sostenibile

UNI
È un’associazione privata senza scopo di lucro, fondata nel 1921, che elabora e pubblica documenti di applicazione volontaria che definiscono “come fare bene le cose” per garantire le prestazioni, la sicurezza, la qualità, la sostenibilità ambientale, economica e sociale di materiali, prodotti, processi, servizi, persone e organizzazioni. Le norme UNI sono messe a punto grazie alla condivisione delle conoscenze, competenze ed esperienze di 20.000 esperti: sono la sintesi delle soluzioni per tutti, sulla base della pluralità dei problemi e delle esperienze dei singoli. L’UNI è Organismo Nazionale di Normazione e rappresenta l’Italia presso il Comitato Europeo della Normazione (CEN) e l’Organizzazione Internazionale della Standardizzazione (ISO).

Portare le norme nelle imprese, le imprese dentro la normazione“. Questa la direttrice entro le quali si sviluppa UNITRAIN, ultima evoluzione del modo di intendere la formazione di UNI, l’ente di normazione italiano. UNITRAIN si rivolge a tecnici, manager, imprenditori, professionisti e consulenti che vogliono essere sempre aggiornati: sull’insieme di tecniche, prassi, norme e leggi alla base della propria attività, dai temi tradizionali ad argomenti innovativi e legati ai nuovi trend e “frontiere della normazione”.

Corsi “a norma”

UNITRAIN, in coerenza con il claim UNI “Un mondo fatto bene”, propone solo corsi “fatti bene”: che rispondono ai requisiti di qualità della norma UNI EN ISO 9001 per la progettazione ed erogazione, che seguono le raccomandazioni settoriali della UNI ISO 21001. Corsi saldamente ancorati allo stato dell’arte CEN e ISO, progettati in collaborazione con i migliori esperti operanti nell’ambito del cosiddetto “sistema UNI”, erogati sia in aula in modalità frontale classica, sia da remoto.

Gli appuntamenti dei prossimi mesi

Nei prossimi mesi di settembre e ottobre ci occuperemo di:

  • Etichettatura energetica. “In un’ottica di sistema di gestione ambientale efficace, che tenga conto – relativamente ai processi diretti e indiretti – anche degli impatti trasversali che coinvolgono tutta la catena del valore, a monte e a valle, e che si prestano a evoluzioni di transizione ecologica e circolare, ritengo rilevante il nuovo Regolamento UE 2017/1369 per l’etichettatura energetica, in vigore a partire dal 1° marzo 2021. Il Regolamento infatti introduce molte novità, tra le quali il recupero della scala A-G per l’etichettatura energetica e il nuovo database EPREL in cui devono essere caricate le informazioni tecniche legate all’efficienza energetica”, afferma il docente del corso Paolo Calveri, esperto della commissione tecnica “Gestione per la qualità e metodi statistici” UNI, e ispettore ACCREDIA;
  • Comunicazione delle prestazioni ambientali dei prodotti;
  • Claim etici. “L’economia circolare è quel modello di sviluppo centrato sulla sostenibilità, l’innovazione, la partecipazione e la condivisione, quindi sui principi normativi della sulla trasparenza e della accountability, ossia la capacità di rendicontare quanto fatto e quanto richiesto dai nostri stakeholder. Con la norma UNI ISO/TS 17033 sui claim etici, questa attività di rendicontazione diventa verificabile e quindi una reale garanzia per il mercato. La norma definisce i requisiti per tutti i claim sulla sostenibilità e sulla dimensione sociale, in particolare le 3 caratteristiche che l’asserzione deve possedere: essere accurata, non fuorviante e pertinente. Questo permette, oltre a una gestione dei rischi per tutte le imprese – incluse quelle del no-profit o del terzo settore – una validazione che può essere svolta anche da parte di un ente di certificazione”, spiega il docente del corso Stefano Bonetto, formatore e auditor qualificato, presidente della commissione tecnica “Servizi“ UNI e ispettore ACCREDIA;
  • Turismo sostenibile. “La norma UNI ISO 21401 sul turismo sostenibile è uno strumento operativo semplice e applicabile a tutte le strutture ricettive per raggiungere gli obiettivi di circolarità. Infatti parte dalla progettazione del servizio e della struttura turistica sia per la dimensione ambientale sia per quella socio economica, coinvolgendo gli stakeholder e pensando alle loro esigenze. Il tutto diventa un progetto di sostenibilità, nel rispetto della conformità legislativa della struttura, con un controllo puntale delle attività in essere e un insieme di progetti di miglioramento da verificare in modo periodico per capirne la loro effettiva efficacia”. afferma ancora Stefano Bonetto, docente del corso;
  • Carbon footprint.

Leggi anche: Standard UNI sull’economia circolare, aperte le candidature

Proposte in house

UNITRAIN intende altresì ampliare la propria offerta formativa, attraverso lo sviluppo di proposte in house personalizzate da tenere presso le imprese e organizzazioni, così come attraverso attività di assistenza tecnico-normativa in collaborazione con partner del sistema UNI, su richiesta del cliente. UNITRAIN è infatti sempre aperto a valutare nuove proposte formative e di collaborazione, finanche di partnership, che possano contribuire all’evoluzione dei propri servizi e della propria proposizione di valore sul mercato, sempre in coerenza con l’obiettivo primigenio di promuovere e diffondere la cultura tecnico-normativa.

Per informazioni:

tel. 02 70024379 oppure 02 70024228

Email:formazione@uni.com

© Riproduzione riservata

POTREBBE INTERESSARTI

Ultime notizie