fbpx
lunedì, Maggio 27, 2024

Ecodesign, arriva il nuovo corso di formazione targato Erion WEEE ed EconomiaCircolare.com

Aperte le candidature per il corso di Alta Formazione “Ecodesign the future: EEE edition” per studenti e studentesse e neolaureati/e che realizzeranno progetti in chiave circolare per Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

EconomiaCircolare.com
EconomiaCircolare.com
Redazione EconomiaCircolare.com

Si terrà dal 13 novembre 2023 al 12 marzo 2024 Ecodesign the future: EEE edition”, un nuovo percorso formativo, frutto della collaborazione tra Erion WEEE, il consorzio del sistema Erion dedicato alla gestione sostenibile dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, ed Economiacircolare.com. Il corso nasce con l’obiettivo di implementare modelli di produzione e consumo sostenibili in un settore in forte crescita come quello della transizione ecologica. 

È online il bando di partecipazione, gratuito e riservato a 30 studenti e studentesse e neolaureati/e in facoltà progettuali/ingegneristiche, scientifiche, economiche o umanistiche. Seguendo i principi dell’economia circolare, per cui i beni devono essere progettati per essere durevoli, riparabili, con componenti potenzialmente riutilizzabili e prodotti con materiali provenienti da riciclo e riciclabili, ai partecipanti sarà richiesto di realizzare delle idee progettuali per apparecchiature elettriche ed eco-friendly. Il percorso formativo prevede infatti 10 gruppi di lavoro per 10 nuovi concept “ecosostenibili” basati non solo sulla riciclabilità, ma anche e soprattutto sulla riusabilità.

Ecodesign the future, la terza edizione

Dopo il successo delle prime due edizioni, “Ecodesign the future” packaging e batteries edition, dedicate rispettivamente agli imballaggi e alle batterie, e realizzate insieme ai Consorzi Erion Packaging ed Erion Energy del sistema Erion, si è deciso di proseguire nella formazione di figure professionali esperte che possano contribuire alla crescita della cultura dell’ecodesign, con uno speciale focus sulla progettazione di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche.

Le autrici e gli autori dei progetti avranno l’occasione di presentare le loro idee alla presenza di alcuni rappresentanti di aziende del settore, che premieranno il progetto vincitore nel tempio del design italiano, l’ADI Design Museum di Milano.

Leggi anche: Regolamento Ecodesign, il Parlamento europeo chiede di più

Lezioni frontali e attività pratiche

Il percorso formativo prevede un piano integrato di attività didattiche e pratiche: gli studenti si confronteranno con figure esperte del settore e persone addette ai lavori provenienti dalle imprese e dai principali enti di formazione pubblici e privati impegnati nella formazione per la transizione verso un modello di economia circolare: l’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, il Politecnico di Milano, l’Isia Roma Design, l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Patrocinato dall’ADI – Associazione per il Disegno Industriale e dall’Isia Roma Design – Istituto universitario di design italiano, il progetto mira a creare connessioni e momenti di confronto tra enti, università, aziende, designer e studenti.

Il corso è interamente finanziato da Erion WEEE, incluse le spese di viaggio e soggiorno, che saranno, carico dei/delle partecipanti la sola quota di iscrizione pari a 280 euro.

EconomiaCircolare.com, che si impegna attivamente nell’informazione, nell’approfondimento e nella sensibilizzazione culturale per favorire un cambio di paradigma, riconosce l’importanza di un’offerta formativa adeguata ad affrontare le sfide attuali e future nell’ottica di un’economia circolare”, spiega  Marica Di Pierri, direttrice responsabile di EconomiaCircolare.com, che precisa “Nell’ambito di questa iniziativa, siamo liete di annunciare il lancio della terza edizione del programma formativo dedicato all’eco-progettazione, quest’anno con un focus sulle apparecchiature elettriche ed elettroniche. Attraverso “Ecodesign the future: EEE edition” vogliamo fornire le competenze necessarie a ridurre il divario tra domanda e offerta di green job nel settore degli AEE”.

“I RAEE rappresentano il flusso di rifiuti che negli ultimi anni ha fatto registrare la più rapida crescita”, spiega Giorgio Arienti, direttore generale Erion WEEE, “Occorre investire in sensibilizzazione verso i cittadini, affinché sappiano come gestire le proprie apparecchiature una volta giunte a fine vista, ma non basta. È fondamentale anche che l’intero settore delle apparecchiature elettriche ed elettroniche acquisisca nuove competenze circolari, per poter creare, sin dalla fase di progettazione, prodotti capaci non solo di durare nel tempo, ma anche di essere più facilmente riparabili e riciclabili. Erion WEEE da tempo ha deciso di investire in progetti dedicati ai professionisti del domani. Crediamo infatti che dare ai giovani questa opportunità e fornire loro gli strumenti giusti, grazie anche programmi avanzati di formazione, rappresenti il modo più efficace per realizzare il cambiamento”.

Maggiori informazioni su come inoltrare la candidatura a questo link.

Leggi l’articolo: I sei “fulcri” della Ellen MacArthur Foundation per fare leva sull’ecodesign

© Riproduzione riservata

spot_img

POTREBBE INTERESSARTI

Ultime notizie