fbpx
sabato, Giugno 19, 2021

IDEA PLAST, SCAGLIE DI (SECONDA) VITA

Economia Circolare
Redazione EconomiaCircolare.com
[di Federico Turrisi e Sara Del Dot]
Cassette dell’acqua rigenerate e rifiuti che diventano parchi giochi: un’azienda del Milanese studia e realizza soluzioni per trasformare gli scarti plastici in nuovi prodotti

Sinossi

Leggera, resistente, economica. La plastica, con i suoi innumerevoli usi, è il materiale che più di tutti ha segnato gli ultimi decenni. Consumare plastica significa però produrre milioni di tonnellate di rifiuti, che vanno correttamente gestiti per non danneggiare l’ambiente. Data l’eterogeneità delle materie plastiche, sono varie le filiere del riciclo. Le principali sono due: una è quella che si occupa dello scarto industriale, l’altra riguarda la plastica degli imballaggi da post-consumo provenienti dalla raccolta differenziata urbana. Idea Plast, azienda di Lainate (Milano) nata nel 1988, che fa del riutilizzo in seconda vita delle materie plastiche il suo core business, si inserisce in entrambe. Come? Nel primo caso supportando le aziende che intendono reinvestire i propri scarti e seguire un percorso di ecosostenibilità. Idea Plast cura l’aspetto tecnologico che va dalla formulazione del materiale alla progettazione del nuovo prodotto, che può essere realizzato (in base alle esigenze del cliente) al 100% con plastica riciclata oppure con una percentuale di materia prima vergine. Un esempio è rappresentato dalla rigenerazione delle cassette dell’acqua minerale giunte al termine del loro ciclo di vita. Per quanto riguarda la seconda filiera, Idea Plast utilizza i profili, ossia blocchetti di plastica riciclata, prodotti dalla Revet (società che si occupa del recupero dei rifiuti plastici provenienti dalla raccolta differenziata) per creare nuovi manufatti. Un esempio sono i parchi giochi realizzati con plastica di seconda vita.

Previous articleR-EDIT
Next articleT12LAB, LA RICOSTRUZIONE DEL PUZZLE
Scopri la piattaforma ICESP

POTREBBE INTERESSARTI

Ultime notizie