fbpx
domenica, Giugno 23, 2024

Rethink batteries! Premiati i migliori concept per una filiera delle batterie più sostenibile

Svelati gli eco-concept vincitori del contest promosso da “Ecodesign the Future: batteries edition”, il workshop promosso da Economiacircolare.com in collaborazione con Erion Energy. L’evento è stato un momento di confronto sul futuro delle batterie e dei sistemi di ricarica

EconomiaCircolare.com
EconomiaCircolare.com
Redazione EconomiaCircolare.com

Premiati i vincitori e le vincitrici di Rethink batteries!, contest ed evento conclusivo di Ecodesign the Future: batteries edition, il corso di alta formazione gratuito promosso da Training for Circularity, il competence center di Economiacircolare.com, in collaborazione con Erion Energy e con il patrocinio dell’ISIA Roma Design e dell’ADI – Associazione per il Design Industriale.

L’evento, tenutosi sabato 25 marzo presso l’ADI Design Museum di Milano e in diretta streaming sui canali social di EconomiaCircolare.com, ha visto la partecipazione, oltre alle protagoniste e ai protagonisti del workshop, di una serie di esperte e esperti del settore, docenti, professionisti e rappresentanti delle istituzioni, che si sono confrontati sul tema caldo della circolarità delle batterie e dei sistemi di ricarica, nell’ottica di un prossimo e necessario cambio di paradigma.

Sono intervenuti alla tavola rotonda e ai momenti di networking: Raffaele Lupoli, direttore Editoriale EconomiaCircolare.com; Luciano Galimberti, presidente ADI – Associazione per il Disegno Industriale; Laura Castelli, direttrice generale di Erion Energy; Silvia Bodoardo, docente e responsabile del gruppo di elettrochimica, DiSAT – Dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia al Politecnico di Torino; Stefano Sordelli, Future Mobility Director, Volkswagen Group Italia S.P.A.; Alessandro Danesi, direttore Commerciale e Sviluppo S.E.VAL Group; Marco Pietrosante, designer e docente universitario; Elisa Delli Zotti, Service and graphic designer, docente dell’ISIA Roma Design; Silvia Grandi, direttrice generale alla Direzione generale economia circolare (EC) del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e Federico Vitali, FAAM Founder e vicepresidente FIB SpA (gruppo Seri Industrial S.p.A).

Gli innovativi concept di Ecodesign the future

Il workshop progettuale, giunto alla sua seconda edizione e iniziato lo scorso ottobre, ha visto in questi mesi le giovani e i giovani partecipanti coinvolti in fasi di didattica frontale a esperienze sul campo. Si è giunti quindi alla realizzazione di sei eco-concept, presentati nel corso dell’evento. I team di lavoro hanno affrontato il tema della circolarità della filiera di batterie, pile, accumulatori e sistemi di gestione, da diversi punti di vista: dal design dei sistemi, passando per servizi e prodotto, sino ad arrivare alla comunicazione. “Questa varietà di output rispetto alla tematica comune e al tipo di formazione che abbiamo fatto insieme – ha spiegato nel corso dell’evento il docente e designer Marco Pietrosante – da una parte dà l’idea di quanto siano varie le possibilità della risposta, dall’altra parte ci dice come avere delle competenze così diverse messe assieme amplifichi le possibilità di lettura delle cose”. 

I sei eco-concept di Ecodesign the Future: batteries edition:

  • Battery Supply Chain 2.0 [clicca sul nome del progetto per leggere le schede] è un upgrade della filiera attuale di raccolta e riciclo delle batterie. Il concept utilizza l’approccio di System Design: introduce un primo nodo posto a valle della raccolta delle batterie intese come rifiuto, caratterizzato da un impianto di pre-trattamento delle stesse e un secondo nodo rappresentato da una piattaforma digitale che incentiva il second life.
  • Digital Battery Platform è una piattaforma digitale volta a consolidare l’attuale second life market e a favorire il reperimento e il riciclo delle materie prime e del prodotto finito, mettendo in connessione tutti gli attori della filiera.
  • BATTERISE è una piattaforma di ricarica, alimentata da pannelli fotovoltaici di batterie modulari che permettono di alimentare piccoli elettrodomestici, all’interno di un sistema basato sul concetto di multiciclicità.
  • Sundrop Charge sfrutta la tecnologia innovativa della cogenerazione per offrire punti di ricarica posizionati in luoghi pubblici e pronti all’utilizzo da chiunque abbia bisogno di ricaricare i propri dispositivi elettronici.
  • Battery Game è un concept che vede l’installazione in punti strategici della città di bidoni smart per il conferimento delle batterie, con uno schermo che permette l’interazione con l’utente. Ad ogni batteria conferita si attiva un gioco a tempo sullo schermo del totem e il punteggio realizzato si trasforma in premi che l’utente può spendere in esperienze culturali e acquisti sostenibili sul territorio.
  • Lion si propone come il posacenere del futuro rivolgendosi in particolare alle vapes (e-cig), le sigarette elettroniche usa e getta. Il concept vuole che, una volta terminata, la batteria del dispositivo venga separata dall’involucro e gettata in un apposito contenitore presente nelle stesse tabaccherie, dove è possibile raccogliere anche l’involucro in un comparto differente. 

Le idee vincitrici del contest

Riusabilità, riduzione dei rifiuti, aumento della raccolta, gioco ed estetica al servizio della sostenibilità sono gli elementi che accomunano i tre progetti sul podio, risultati vincitori tra i sei eco-concept presentati. I progetti scelti dalla giuria si sono distinti, in particolare, per la componente fortemente innovativa, capace di integrare funzionalità e circolarità.

Si è aggiudicato il primo posto Battery Game. Il concept ideato da Tommaso Battistotti e Madia Scatigna vede il raccoglitore delle batterie  diventare smart e trasformarsi da strumento per il conferimento a punto d’incontro fra i cittadini. Dunque oltre a incentivare la corretta raccolta delle batterie del singolo cittadino, pone l’attenzione su un coinvolgimento comunitario, cercando di utilizzare il gaming e la raccolta come meccanismo per accedere a premi sociali di gruppo, rinsaldando quindi il legame tra società e territorio stesso.Battery Game

Secondo classificato BATTERISE, la piattaforma di ricarica per batterie modulari ad uso domestico. Il progetto, a cura di Giacomo Marotta e Francesca Frigimelica, presenta caratteristiche che rientrano nelle strategie circolari di ecodesign per l’allungamento della vita del prodotto – ricaricabilità, modularità e accoppiabilità, multifunzionalità, riparabilità e manutenzione, riciclabilità – e mira a trarre il maggior vantaggio dalla necessità di ricaricabilità delle batterie.

BATTERISE

Il terzo gradino del podio è stato conquistato da Lion, l’idea di Linda Volta, Davide Caddia e Gaia Patané: grazie ad un nuovo ecodesign per le e-cig ad oggi non scomponibili, si riesce a raggiungere il corretto riciclo delle diverse componenti così da conferire in maniera differenziata batteria e involucro della sigaretta. Il progetto, che permetterà all’utente di agire in modo più consapevole e più responsabile., ha ipotizzato anche un’app che faciliti l’accesso ai raccoglitori.

LION

Leggi anche: Ecodesign the future, al via il corso dedicato alle batterie. Le riflessioni dell’evento di apertura

Le voci di Rethink Batteries!

“Il nostro giornale – ha detto Raffaele Lupoli, direttore editoriale di EconomiaCircolare.com e membro del Comitato di valutazione del workshop – è nato per accompagnare il cambio di paradigma produttivo necessario ad affrontare le sfide ambientali, sociali ed economiche che abbiamo davanti. Lo facciamo con l’informazione e con la formazione di nuove competenze: con l’edizione di Ecodesign the future dedicata al mondo delle batterie abbiamo messo a disposizione di un nutrito gruppo di giovani un percorso multidisciplinare e pratico di approfondimento e costruzione di soluzioni possibili”.   

“Siamo molto fieri di questo percorso, – ha aggiunto – reso possibile dall’intensa collaborazione con Erion e con il mondo dell’università, della ricerca e dell’impresa più attenta e sensibile alla necessità di ripensare processi e prodotti”.

Siamo orgogliosi – ha affermato Laura Castelli, direttore Generale di Erion Energy e componente della Commissione di valutazione dei progetti workshop – di aver promosso Ecodesign the future: batteries edition. Un’iniziativa importante che ha trasmesso, alle studentesse e agli studenti coinvolti, strumenti e conoscenze per affrontare i cambiamenti che ci aspettano nel prossimo futuro. L’ecodesign delle batterie è, infatti, un tema fondamentale, non solo per la transizione energetica già in atto in Italia e nel resto d’Europa, ma anche in vista della prossima entrata in vigore del nuovo Regolamento europeo”.

LA DIRETTA VIDEO DELL’EVENTO

Leggi anche: Il nostro Speciale “Batterie”

© Riproduzione riservata

spot_img

POTREBBE INTERESSARTI

Ultime notizie